Salvini: «Il gip di Agrigento avrà bevuto un bicchiere di vino con Carola Rackete» | VIDEO

di Enzo Boldi | 03/07/2019

Carola querela Salvini
  • Matteo Salvini ha messo alla gogna mediatica il gip di Agrigento

  • Ha fatto allusioni sui rapporti da "compagne di bevute" con Carola Rackete

  • L'ordinanza, però, fa riferimento alla costituzione e alle norme internazionali

Quando si parla di sdoganamento di un linguaggio sporco e di gogna mediatica si fa riferimento esattamente a una strategia (in special modo sui social) adottata da Matteo Salvini e da molti politici. L’ultimo esempio, il più lampante in tempi recenti, arriva dopo la notizia della mancata conferma della custodia cautelare (ai domiciliari) della comandate della Sea Watch 3. Il ministro dell’Interno, martedì sera, si è collegato in diretta-video sul suo profilo social e ha messo alla berlina il gip di Agrigento che ha firmato quella decisione, facendo allusioni sui suoi rapporti con Carola Rackete.

«Magari il signore giudice si è bevuta anche un bicchier di vino con la signorina che si è detta ricca, bianca, tedesca e magari un po’ annoiata». Questo lo sferzante giudizio di Matteo Salvini sui motivi che avrebbero spinto il gip di Agrigento, Alessandra Vella, a prendere la decisione che – in realtà – risponde direttamente alla gerarchia legislativa tra il sistema italiano e quello europeo. Una gogna mediatica che ha portato i suoi frutti, con i fan del ministro della Lega che si sono scatenati sui social dopo il «via libera» alla messa alla berlina dato da lui con quel video in diretta su Facebook.

 

Salvini e l’allusione al gip di Agrigento

Come scritto nelle carte dell’ordinanza firmata da Alessandra Vella sulla scarcerazione di Carola Rackete, infatti, il decreto sicurezza bis è superato dalle norme di diritto internazionale proprio per gli accordi firmati dall’Italia, come spiega in pochi tweet il giornalista David Allegranti.

 

 

Una decisione che si basa sulla Costituzione

Questione di diritto internazionale, quindi. Nonostante i proclami, infatti, lo stesso Matteo Salvini sapeva fin dall’origine (o almeno questo ci si aspetta da un ministro dell’Interno) che un decreto legge nazionale è gerarchicamente inferiore rispetto al diritto internazionale. Per questo motivo, come ben spiegato dal gip di Agrigento (ma Salvini non aveva letto le carte dato che si è collegato 30 secondi dopo la notizia della liberazione di Carola Rackete) si fa riferimento all’articolo 10 della Costituzione italiane e all’articolo 117 della stessa Carta. Un ministro dovrebbe saperlo, ma la priorità era creare il caso mediatico non solo contro Sea Watch, ma anche contro il gip.

(foto di copertina: da profilo Facebook di Matteo Salvini)