Roger Federer ha risposto alle polemiche degli ambientalisti

di Gaia Mellone | 13/01/2020

Alla fine Roger Federer ha rotto il silenzio, prendendo più o meno una posizione. Travolto dalla polemica sui social network sotto l’hashtag #rogerfedererwakeup, il tennista ha risposto in merito alle sue convinzioni sulla necessità di combattere come attivista per il cambiamento climatico.

Roger Federer ha risposto alle polemiche degli ambientalisti

LEGGI ANCHE> Greta Thunberg appoggia la campagna contro Federer

La campagna promossa da 350.org era arrivata anche sulla bacheca twitter di Greta Thunberg. Il tennista infatti è stato accusato dagli attivisti per l’ambiente di essere incoerente: pur essendosi espresso più volte a favore della necessità di cambio di direzione dei governi di tutto il mondo per combattere l’emergenza del cambiamento climatico, Federer è anche testimonial di Credit Suisse. L’istituto bancario però investe nell’economia fossile, ed è stata presa di mira dagli attivisti nella sede di Losanna che sono entrati nell’istituto bancario vestiti da tennisti. Una protesta accompagnata dalla mobilitazione sui social network sotto l’hashtag #rogerfedererwakeup, che invitava il campione a “svegliarsi”. Roger Federer durante un incontro a Melbourne ha risposto che prende «molto sul serio la minaccia dei cambiamenti climatici». «Come padre di quattro bambini piccoli, nutro grande ammirazione per il movimento per il clima e sono grato ai giovani attivisti per aver spinto tutti noi a rivedere i nostri comportamenti» ha aggiunto il campione svizzero, spiegando che apprezza gli vengano ricordate «le mie responsabilità come privato cittadino e mi impegno a utilizzare la mia posizione privilegiata per dialogare su queste importanti questioni con i miei sponsor».

(Credits immagine di copertina: twitter Roger Federer@rogerfederer)