Movida violenta a Castellammare, carabiniere cerca di sedare una rissa e rimane ferito gravemente

di Ilaria Roncone | 01/08/2020

La scorsa notte un carabiniere fuori servizio si è trovato a passare davanti a due ragazzi che stavano litigando furiosamente in piazza Umberto, vicino alla Cassa Armonica, a Castellammare. Il militare – che passava di lì con la moglie e alcuni familiari – è intervenuto per sedare la rissa che stava degenerando. A causare lo scontro è stato un incidente in scooter tra i due. Mentre stava tentando di porre fine allo scontro l’appuntato è stato aggredito improvvisamente da alcuni giovani coinvolti nella rissa.

LEGGI ANCHE >>> Il professor Barbero dice che l’Italia è piena di fascisti in fondo al cuore

Investito con lo scooter e colpito con oggetti

Il carabiniere è stato prima investito con lo scooter e poi aggredito con calci, pugni, un casco e una sedia. Le persone che lo hanno piacchiato sono state fatte fuggire da uno sei familiari di lui e hanno fatto perdere le tracce. Il 37enne è rimasto privo di sensi per terra dopo un forte colpo alla testa che gli ha causato serie emorragie. Ad intervenire per dare una mano sono stati i tanti testimoni presenti mentre gli aggressori scappavano. Nel macello che si è creato – anche a livello di circolazione – l’ambulanza ci ha messo 23 minuti per raggiungerlo e portarlo d’urgenza all’ospedale San Leonardo. L’uomo è stato dichiarato guaribile in 25 giorni.

Individuati quattro individui coinvolti nella rissa Castellammare

Gli agenti del commissariato di polizia sono a lavoro per identificare le persone coinvolte nella rissa che hanno brutalmente picchiato il carabiniere. I rilievi del caso – ancora in corso da parte dei carabinieri – prevedono di identificare gli autori dell’aggressione tramite la visione di una serie di filmati delle telecamere di videosorveglianza. Castellammare, intanto, torna nella morsa della paura della movida violenta del luogo.

(Immagine copertina da Pixabay)