Riforma del Ticket sanitario: per Roberto Speranza «chi ha di più deve pagare di più»

di Gaia Mellone | 02/10/2019

Riforma del Ticket sanitario: per Roberto Speranza «chi ha di più deve pagare di più»
  • Il Nadef ha aperto la strada della manovra fiscale per il 2020

  • Per quanto riguarda la salute, prevista una riforma del ticket su base reddituale

  • Il ministro della Salute Roberto Speranaza: «Chi ha di più deve pagare di più»

Con il Nadef  e la manovra fiscale del 2020, il governo vuole cancellare i ticket sanitari su farmaci e visite specialistiche per le fasce della popolazione con un reddito più basso. Dal prossimo anno infatti il ticket sanitario sarà stabilito in base al costo delle prestazione e del «reddito familiare equivalente», considerando un limite massimo di spesa annuale.

Riforma del Ticket sanitario: per Roberto Speranza «chi ha di più deve pagare di più»

LEGGI ANCHE> Manovra senza aumento dell’Iva: deficit/pil al 2,2%, crescita dello 0,1% nel 2019

La posizione del ministro della Salute Roberto Speranza è chiara e limpida: «Chi ha di più deve pagare di più e chi ha di meno paga di meno». Ed è in questa direzione che si muove la manovra fiscale che prevede la riforma del ticket sanitario. Allo stato attuale, il ticket sanitario è previsto per tutti: gli unici esentati sono coloro che guadagnano meno di 36mila euro l’anno, che hanno più di 65 anni o meno di 6, e che soffrono di patologie gravi o croniche. Il costo per le visite specialistiche si aggira intorno alla cifra fissa di 36 euro, con alcune eccezioni in base alle prestazioni, ma la situazione è destinata a cambiare.

La bozza del ddl del ministero sulla riforma del ticket, che pare abbia come punto di riferimento la bozza del Patto della salute tra governo e regioni risalente allo scorso maggio, chiarisce che l’importo fisso per tutti i cittadini crea «evidenti disparità di accesso al servizio sanitario nazionale in relazione alle capacità di reddito dei singoli cittadini». Proprio per garantire «l’uguaglianza», la riforma prevede che l’importo del ticket sanitario dal prossimo anno venga stabilito in base al reddito familiare e al costo della prestazione, con un massimo annuale di spesa che, una volta raggiunto, comporterà la cessazione dell’obbligo del cittadino di partecipare alla spesa sanitaria. L’intenzione è di cancellare definitivamente anche il super-ticket su prestazioni specialistiche ed ambulatoriali.

Il ministro della Salute Roberto Speranza attraverso un video condiviso su Facebook ha spiegato la decisione «di collegare alla Finanziaria un ddl di riordino della materia dei ticket che è la modalità di compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria» secondo un criterio «di progressività». Al giorno d’oggi infatti «di fronte a un ticket sanitario non conta quanti soldi hai e non conta se sei un miliardario o una persona in difficoltà economica – ha continuato il ministro- Al di là delle soglie di esenzione, si paga sempre la stessa cosa. Io credo che su questo si possa intervenire con un principio molto semplice: chi ha di più deve pagare di più».
(Credits immagine di copertina. ANSA/ ALESSANDRO DI MEO)