Renzi dà consigli a Di Maio su come muoversi alla Farnesina: «Si faccia aiutare dai professionisti»

di Enzo Boldi | 17/01/2020

Renzi consiglia Di Maio
  • Il leader di Italia Viva lancia ancora messaggi all'Esecutivo, di cui fa parte

  • Attacca il Partito Democratico perché va a rimorchio del M5S sulla prescrizione

  • Renzi consiglia Di Maio sul come muoversi alla Farnesina: "Si faccia aiutare"

Già nella giornata di giovedì, con un post sulla sua attivissima pagina Facebook, aveva dato l’ennesima picconata al Partito Democratico sulla riforma della prescrizione. Oggi, dai microfoni di Radio Capital (durante lo spazio mattutino della trasmissione Circo Massimo), il leader di Italia Viva è tornato a ribadire la sua posizione e quella del partito che ha fondato tre mesi fa. E non solo. Matteo Renzi consiglia Di Maio e suggerisce al ministro degli Esteri di affidarsi ai professionista della Farnesina.

LEGGI ANCHE > Travaglio attacca Italia Viva: descrive il partito di Renzi come «i giullari di corte»

«Mi permetto di dare un suggerimento a Di Maio senza polemiche: la Farnesina ha ottimi professionisti, anch’io all’inizio ero partito prevenuto, prima di lavorarci insieme – ha detto Matteo Renzi a Circo Massimo, su Radio Capital -. Il ministro degli Esteri si faccia aiutare. Le nostre priorità sono di recuperare un ruolo importante, soprattutto in Libia». Insomma, fatti aiutare da chi ti può aiutare.

Renzi consiglia Di Maio sulla Farnesina

Oltre al Renzi consiglia Di Maio sulla Farnesina, il leader di Italia Viva è tornato ad attaccar il Partito Democratico per aver deciso di cedere alla linea del Movimento 5 Stelle sulla prescrizione. Lui, invece, sostiene di esser stato coerente con Italia Viva che ha votato, in Commissione Affari Costituzionali, insieme a Forza Italia e il resto delle opposizioni sul tema tanto dibattuto negli ultimi mesi: «La riforma Bonafede della prescrizione apre all’incertezza e al populismo giudiziario. Il Pd va a rimorchio dei grillini, io pensavo che fossero la casa dei riformisti».

La revoca delle concessioni ad Autostrade

Infine, prima di sottolineare che lui non ha alcuna intenzione di far cadere questo governo, Matteo Renzi ha anche sottolineato come la revoca delle concessioni alla società Autostrade deve avere un fondamento giuridico, altrimenti il conto da pagare potrebbe essere altissimo per l’Italia, con un risarcimento da 40 miliardi al gruppo della famiglia Benetton.

(foto di copertina: da profilo Facebook di Matteo Renzi)