Come si volerà in Europa: obbligo di mascherine e distanza di 1,5 metri solo se possibile

di Ilaria Roncone | 21/05/2020

  • Le autorità europee hanno stabilito quali saranno le regole da rispettare per tornare a volare

  • Le compagnie non dovranno garantire la distanza di sicurezza se non sarà possibile

  • Tutti i passeggeri avranno però l'obbligo di indossare la mascherine

Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) e Easa (Agenzia europea per la sicurezza aerea) hanno messo nero su bianco una serie di linee guida per regolamentare i voli in Europa da quando sarà nuovamente possibile spostarsi dal proprio stato. I punti fondamentali sono la mascherina obbligatoria, la distanza di 1,5 metri solo se possibile, un’autocertificazione digitale che attesti lo stato di salute al check-in e allarme solo se la temperatura supera i 38°. Cerchiamo di capire come si potrà tornare a volare e le regole voli una volta che i paesi europei avranno riaperto le frontiere.

LEGGI ANCHE >>> Tra marzo e aprile ci sono stati quasi 47mila morti in più rispetto agli anni precedenti

1,5 metri tra le persone quando consentiti, obbligo di mascherina per tutto il viaggio

Il distanziamento sociale in volo viene raccomandato – ma non reso obbligatorio – dalle autorità europee in materia di salute e sicurezza aerea. Quello su cui non si transige è l’utilizzo della mascherina, abbinata ai disinfettanti per mani. Le linee emanate a livello europeo vanno in contrasto con quelle dell’Italia, che ha preferito optare per garantire la distanza di almeno 1 metro a bordo – almeno fino al 3 giugno -. La distanza fisica dovrà essere assicurata solo «dove consentito dal numero di passeggeri, dalla configurazione della cabina e dai requisiti sulla distribuzione dei pesi a bordo». Diversamente – magari per i troppi passeggeri a bordo – , il requisito diventa l’obbligatorietà della mascherina. Sulle mascherine ci sarà un intervento anche delle singole nazioni, che potranno scegliere di adottare misure ancora più drastiche obbligano i passeggeri a indossare le mascherine dall’ingresso in aeroporto fino all’imbarco. Le uniche eccezioni a questa regola saranno i bambini dai 6 anni in giù.

I passeggeri devono avere un numero sufficiente di mascherine a bordo

Considerato che il dispositivo va cambiato ogni quattro ore, sarà compito del passeggero assicurarsi di avere un numero di mascherine sufficiente per portare a termine il volo in sicurezza. L’accesso ai terminal sarà riservato ai soli passeggeri, che potranno passare solo con temperatura inferiore ai 38° C (in Italia il limite è 37,5° C); ognuno dovrà munirsi di un’autocertificazione che attesti lo stato di salute – stando ai suggerimenti europei – e le compagnie dovranno essere molto chiare riguardo alle conseguenze civili e penali del dichiarare il falso.

Regole voli: sanzioni severe per l’assenza di mascherina

L’assenza di mascherina verrà punita severamente. Chi non la indossa non potrà entrare in aeroporto o, ancora, in aereo. Se la protezione viene rimossa a bordo, il passeggere può essere fatto sbarcare prima del decollo o, se ormai l’aereo è in volo, il personale di bordo potrà consegnarlo alle forze dell’ordine dopo l’atterraggio per atti molesti o violenti, secondo la procedura dedicata agli «unruly passengers». Anche l’imbarco dovrà seguire precise regole, chiamando i passeggeri in base ai posti a loro assegnati. Si consiglia anche di suggerire ai clienti di portare meno bagagli a mano possibili in cabina, così che imbarco e sbarco siano fluidi e senza contatti tra le persone.

 

(Immagine copertina da