L’ondata di razzismo non si ferma, a Morbegno (Sondrio) un senegalese aggredito a calci e pugni

di Redazione | 18/10/2018

morbegno

Non si ferma l’ondata di xenofobia e razzismo che investe il nostro paese. Una nuovo episodio di violenza ai danni di uno straniero si è verificato sabato notte, intorno alle 2, a Morbegno. Nel piccolo centro in provincia di Sondrio, un senegalese di 28 anni è stato prima insultato per il colore della pelle e poi colpito con calci e pugni fino a mandarlo in ospedale.

L’aggressione razzista a Morbegno (Sondrio): senegalese di 28enne insultato e preso a calci e pugni

Il migrante, Mame Serigne Gueye, si stava recando al lavoro, in un panificio della città, quando è stato avvicinato da un gruppo di giovani che hanno cominciato a insultarlo per il colore della pelle. Due ragazzi lo hanno bloccato e lo hanno iniziato a picchiare. Uno gli ha sferrato un pugno all’occhio destro. Il 28enne senegalese a quel punto ha perso l’equilibrio ed è caduto a terra. Nella caduta, il suo telefono cellulare è finito per terra ma, nonostante i danni, funzionava ancora. Con il volto sanguinante lo straniero ha chiamato i carabinieri, che ora indagano sulla vicenda. Gli aggressori sono stati individuati grazie anche alle riprese delle telecamere di sorveglianza.

(Foto di copertina da archivio Ansa di Claudio Giovannini: sit-in senegalesi a Firenze)

TAG: Sondrio