Puglia, la virologa candidata con il centro destra che si dice a favore dei banchi con il plexiglass | VIDEO

Ospite su La 7 nel programma L'aria che tira la virologa ha affermato il contrario di ciò che sostiene il leader della Lega Salvini

di Ilaria Roncone | 01/09/2020

Danila De Vito è una virologa che ha scelto di candidarsi per le regionali in Puglia eppure il suo parere di esperta è apertamente in contrasto con quello del capo della sua coalizione, Matteo Salvini. Ricordiamo bene la polemica di Salvini padre che a settembre non avrebbe mai mandato la figlia a scuola con mascherina a pannelli in plexiglass a separarla dai compagni. Una sua alleata e virologa, a quanto pare, la pensa diversamente.

LEGGI ANCHE >>> Salvini: «Non mando a scuola mia figlia con plexiglass e mascherina» (ma lo dice da papà)

La virologa di centro destra che preferirebbe il plexiglass alle rotelle

La portata politica dell’affermazione scientifica è grande, come fa notare il giornalista che intervista Danila De Vito quando la virologa afferma che i paraventi in plexiglass sarebbero stati più efficaci dei banchi con le rotelle. «Io avrei pensato, sul modello cinese, di dotare i banchi di schermi di plexiglass per una migliore prevenzione», dice la virologa, e subito il giornalista chiede conferma di un’affermazione che va contro quanto ha sempre detto il leader della Lega Salvini: «Lei quindi avrebbe messo i famosi paraventi di plexiglass? Sa che si candida in una coalizione che ha un leader, Matteo Salvini, che ha affermato: “Mia figlia non la manderei mai a scuola con banchi di plexiglass”?.

«Sono un tecnico della salute, mi candido per fornire la mia esperienza»

La virologa puntualizza che la sua candidatura alle regionali in Puglia è avvenuta in virtù del suo ruolo di virologa e per «dare la mia esperienza accademica e sanitaria alla comunità». Arriva la conferma che, qualora diventasse assessore alla Salute della gounta pugliese guidata da Fitto, preferirebbe adottare i paravento in plexiglass al posto dei banchi con le rotelle. Quella che è una critica a quanto fatto dalla ministra Azzolina, quindi, diventa anche una critica alle affermazioni del leader che guida il centro destra, Matteo Salvini, che sui banchi e il i paravento è da sempre categorico con il suo no.