L’errore nella sillabazione dei leghisti con le magliette «Prima i toscani»

di Redazione | 10/07/2019

prima i toscani
  • Una protesta andata in scena nella seduta odierna del consiglio regionale in Toscana

  • I consiglieri si sono presentati con magliette con su scritto "Prima i Toscani"

  • Ma la sillabazione usata è sbagliata

Un errore nella sillabazione, da matita blu persino alle scuole elementari. La gaffe in consiglio regionale della Toscana: il gruppo leghista formato da Roberto Salvini, Jacopo Alberti, Luciana Bartolini, Roberto Biasci, Marco Casucci e Elisa Montemagni si è presentato alla seduta odierna con una serie di magliette che ribadiscono lo slogan tipico della Lega sui territori. Quello del ‘prima i’ con l’aggettivo che si utilizza per indicare gli abitanti di quella precisa regione.

Prima i toscani, la gaffe dei consiglieri nella sillabazione

L’errore ha riguardato la frase ‘Prima i toscani‘, sillabata come segue: «Pri-ma i Tos-ca-ni». La versione corretta sarebbe «Pri-ma i To-sca-ni». La gaffe non è sfuggita al popolo della rete e soprattutto alla nota pagina satirica Socialisti Gaudenti, che ha evidenziato in un post la sbagliata scelta grammaticale dei leghisti.

La fotografia del gruppo regionale della Lega in Toscana si è diffusa rapidamente in rete, vista anche la condivisione di Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina (nota per la sua esperienza amministrativa nel comune in provincia di Pisa) e attuale europarlamentare della Lega Salvini.

«Pronti alla battaglia per evitare che l’approvazione della legge con cui Enrico Rossi e il PD vogliono stanziare quattro milioni di euro (QUATTRO MILIONI!) per garantire asili, sanità, istruzione, servizi sociali e una sistemazione anche a chi NON ha titolo per stare in Italia – ha scritto la Ceccardi su Facebook -. Sosteniamo i consiglieri regionali della Lega – Salvini Premier, FACCIAMO GIRARE!».

La protesta in consiglio regionale della Toscana

Le magliette erano state preparate per protestare appunto contro un provvedimento preparato dalla giunta di sinistra guidata da Enrico Rossi: quest’ultimo aveva presentato un piano di assistenza sociale anche per migranti, in modo tale da farli accedere ai servizi essenziali. Ovviamente, la Lega è contraria a questo tipo di progetto, tanto da rispolverare lo slogan elettorale «prima i toscani». Ma farlo con la sillabazione corretta sarebbe stato più opportuno.

Intanto, si spreca l’ironia del web: i Socialisti Gaudenti hanno lanciato la provocazione scrivendo «forse vogliono riciclare le magliette con lo slogan “Prima i cani”. In ogni caso “Prima l’italiano”».

[FOTO dalla pagina Facebook di Susanna Ceccardi]

TAG: Lega