Perché i Pooh si chiamano così: la vera storia del nome dei Pooh

di Redazione | 11/03/2016

pooh perché si chiamano così

Nati nel 1966, i Pooh sono tra i gruppi più longevi della storia della musica. Con 100 milioni di dischi all’attivo, sono al primo posto della classifica italiana per numero di copie vendute. I membri della band sono stati nominati Cavalieri della Repubblica Italiana dal Presidente Francesco Cossiga e immortalati al museo delle cere di Roma. In origine si chiamavano Jaguars, poi decisero di cambiare nome. Ma perché hanno scelto quello dell’orsacchiotto figlio della penna di Alan Alexander Milne? Lo spiega la band a Cinquantamila.

LEGGI ANCHE: I Pooh a Sanremo 2016 | Video | Foto 

LEGGI ANCHE: Stasera in tv, cosa guardare in tv oggi e programmi di stasera (11 marzo)

PERCHE’ I POOH SI CHIAMANO POOH?

«I Pooh in origine si chiamavano Jaguars (sì, sempre animali, come poi l’orsetto). Correva il 1966. Arrivammo a Milano a firmare il nostro primo contratto con la Vedette Record, ci informarono che esisteva già un altro gruppo chiamato Jaguars. Ci chiesero di cambiare nome, visto che i nostri omonimi stavano per pubblicare un 45 giri (il gruppo, sia detto per inciso, ebbe vita breve). Successe che la segretaria di Sascia, proprietario della casa discografica, era una ragazza inglese. Cresciuta con i racconti di Alan Alexander Milne, scrittore nato nel 1882 e morto nel 56, autore proprio dell’orsacchiotto Winnie the Pooh. Ci disse: “Perché non vi chiamate Pooh, che è un bell’orsacchiotto?”. In Italia nessuno lo conosceva, però era insolito, suonava bene, il cartone animato non c’era e così decidemmo di diventare Pooh».

[Foto Copertina: ANSA/CLAUDIO ONORATI]