Il leghista Pillon ha scambiato un personaggio dei fumetti per Dio

di Enzo Boldi | 08/07/2019

Pillon
  • Il senatore della Lega non ha capito il senso di uno striscione al Pride

  • Parla di bestemmia e blasfemia per l'accostamento "Figlio di Dio" e omosessualità

  • Ma l'immagine mostra un personaggio dei fumetti, chiamato Dio Brando. Nessun riferimento alla religione

Pronunciare il nome di Dio invano, per la religione Cristiana Cattolica, è uno dei peccati più gravi. A volte, però, anche i ferventi credenti – che fanno della tutela del crocifisso e delle radici cattoliche dell’Italia un continuo mezzo di propaganda islamofobica e omofobica – non riescano a distinguere un banale cartello messo in mostra durante il Pride 2019 confondendo un personaggio dei fumetti per il loro Dio. È accaduto al senatore leghista, e uno dei fautori del Family Day, Simone Pillon.

LEGGI ANCHE > Il leghista Pillon ha detto di aver messo «una sentinella in ogni scuola» per fermare l’ideologia gender

«Immagini disgustose che arrivano direttamente dai Pride. Bestemmie e blasfemie di ogni tipo contro i cristiani. Prego per queste povere persone, ingannate da un’ideologia che le rende accecate dall’odio. Provo pena e vergogna per tutti quei comuni di sinistra che concedono patrocini (e pure soldi pubblici) ad abomini di questo genere». Questo è scritto nel profilo Facebook di Simone Pillon. In allegato ci sono due immagini: una mostra un ragazzo che porta addosso la Croce, l’altra una scritta con un disegno.

Pillon confonde un personaggio dei fumetti con Dio

Se la seconda fotografia può essere considerata blasfema, anche e non c’è alcun riferimento se non un’allegoria (sicuramente evitabile), la seconda porta a una clamorosa gaffe da parte di Simone Pillon che, non conoscendo il personaggio disegnato, inizia ad accusare di bestemmie contro tutti i cristiani. Ma il blog Gayburg spiega come a fare veramente confusione sia stato proprio il senatore leghista.

Dio Brando, personaggio di un anime giapponese

Il personaggio a cui è riferita la scritta «Sono più gay del figlio di Dio» è nato dalla fantasia del fumettista nipponico  Hirohiko Araki e compare nel manga che porta il titolo ‘Le bizzarre avventure di JoJo’. Il suo nome è Dio Branco, prendendo ispirazione dal cantante Ronnie James Dio e dall’attore Marlon Brando. I fan del genere si sono sempre dibattuti sull’omosessualità di questo personaggio ed è per questo che a Pride quella persona ha deciso di scrivere quel cartello. Nessuna allusione al Dio Cristiano e a nessun altro Dio religioso, dunque.

(foto di copertina: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI + fumetto Le bizzarre avventure di JoJo + post Facebook)