«Nuovi picchi legati ai giovani che abbassano la guardia»

30/07/2020 di Ilaria Roncone

L’ipotesi era già saltata fuori e ora arriva la conferma dell’Oms grazie a una serie di prove. Già ieri il direttore dell’ufficio europeo Hans Kluge aveva parlato dei giovani che «vogliono vivere l’estate ma hanno una responsabilità verso i genitori, i nonni e la comunità». L’aumento dei contagi nelle fasce d’età più basse, con picchi e risalite in tutta Europa, dipende dai ragazzi che pensano di essere invincibili ma non lo sono: «Possono essere infettati; i giovani possono morire; e i giovani possono trasmettere il virus agli altri», ricorda il dottor Tedros – direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità -.

LEGGI ANCHE >>> Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 30 luglio

Giovani che abbassano la guardia nell’emisfero settentrionale

Il direttore dell’Oms ha specificato che ci sono una serie di «prove che  suggeriscono che i picchi di casi di Covid-19 in alcuni Paesi sono, in parte, guidati da giovani che hanno abbassato la guardia durante l’estate nell’emisfero settentrionale». In conferenza stampa a Ginevra il medico ha parlato dei tanto temuti effetti dell’estate e sul peso che il comportamento dei ragazzi può avere su un’eventuale seconda ondata e su nuovi picchi di coronavirus.

«I giovani non sono invincibili»

Il messaggio era questo prima e continua a essere questo adesso: «L’abbiamo detto prima e lo diremo di nuovo: i giovani non sono invincibili». Considerato che le misure sono state allentate e che è ormai già da un po’ di tempo che tutti quanti abbiamo potuto – almeno in Italia – tornare a fare una vita più simile a quella di prima, rimane doveroso tenere alta la guardia: la mascherina va indossata sempre anche all’aperto se ci si trova nel bel mezzo di un assembramento. L’appello è ai giovani perché abbiano chiaro il loro ruolo: «Devono prendere le stesse precauzioni per proteggere se stessi e gli altri di tutti gli altri. Possono essere leader e guidare il cambiamento».

Share this article