Il Partito Comunista se la prende con Alberto Angela per uno spezzone di puntata sul rastrellamento

di Redazione | 16/10/2018

Partito Comunista contro Alberto Angela

La puntata di Ulisse di sabato scorso, 13 ottobre 2018, è stata un vero e proprio successo per Alberto Angela, che ha conquistato il pubblico di Raiuno grazie al racconto sui rastrellamenti ebraici a Roma, di cui oggi, 16 ottobre, ricorre il 75° anniversario. Eppure, c’è una parte di pubblico che non ha gradito uno spezzone di circa trenta secondi andato in onda nel corso della puntata di Ulisse – Il piacere della scoperta.

LEGGI ANCHE > Alberto Angela parla del 16 ottobre 1943: la standing ovation dei social per la sua puntata ‘politica’

Si tratta di un momento in cui il conduttore Alberto Angela ha affermato testualmente: «Nel caso della Russia di Stalin c’è un altro esempio: prima dello scoppio della guerra erano proprio i russi a consegnare ai nazisti migliaia e migliaia di ebrei in omaggio all’accordo Molotov-Ribbentrop che aveva stabilito una specie di pace tra le due nazioni».

Il punto della trasmissione in cui Alberto Angela parla del rapporto tra Urss ed ebrei

Le parole di Alberto Angela non trovano riscontro nel patto Molotov-Ribbentrop e la sua affermazione sembra decisamente discutibile. Per questo motivo il Partito Comunista guidato da Marco Rizzo ha protestato in maniera vibrante nei confronti del conduttore più amato della televisione divulgativa nel mondo.

Il Partito Comunista contro Alberto Angela

Il Partito Comunista, sui suoi canali social, ha etichettato come ‘falsa’ l’affermazione fatta da Alberto Angela nel corso della puntata di Ulisse. «Anche il programma condotto da Alberto Angela non ha resistito alla tentazione della falsificazione storica anticomunista, affermando che l’URSS consegnò propri cittadini ebrei ai nazisti – ha scritto il Partito Comunista su Facebook -. La discriminazione razziale in Unione Sovietica non è mai esistita, basti ricordare che una parte rilevante dei dirigenti bolscevichi erano di origine ebraica, anche tra i più stretti collaboratori di Stalin. L’URSS fu rifugio per migliaia di ebrei che scappavano dalla Germania. L’Armata Rossa liberò gran parte dei campi di sterminio nazisti, tra cui quello di Auschwitz, consegnando al mondo le prove dello sterminio hitleriano. Rispondiamo colpo su colpo ai tentativi di equiparazione e alle campagne anticomuniste che vengono dai media ».

Il post del Partito Comunista ha superato le 750 condivisioni e sta facendo il giro della rete. In effetti, il passaggio della puntata di Ulisse risulta essere decisamente controverso: diversi dirigenti del partito comunista in Urss erano ebrei e diversi campi di concentramento furono aperti dai soldati dell’Unione Sovietica al momento della fine della guerra, scoperchiando così il vaso di Pandora di ciò che accadeva all’interno. L’avversione nei confronti di alcuni ebrei da parte di Stalin – che pure c’è stata – era rappresentata dal loro ruolo politico di «opposizione» all’interno del partito (si veda il caso di Trockij).