Le ossa vicino alla Nunziatura sono vecchie di cent’anni

di Redazione | 22/11/2018

ossa nunziatura
  • Qualche settimana fa sono state ritrovate a Roma delle ossa, accanto al palazzo della Nunziatura Apostolica

  • Le voci dei primi giorni insinuavano la loro appartenenza a Emanuela Orlandi

  • Le analisi escludono questa circostanza

Emanuela Orlandi e Mirella Gregori non c’entrano niente con le ossa ritrovate a Villa Giorgina, accanto alla Nunziatura Apostolica. L’esito delle indagini sul dna ha confermato che quegli scheletri sono addirittura vecchi di cent’anni, retrodatando di molto, rispetto alla scomparsa delle due adolescenti romane, la morte delle persone a cui quelle ossa appartengono.

LEGGI ANCHE > Ossa rinvenute nella Nunziatura Vaticana, oggi sono cominciate le analisi

Ossa nunziatura vecchie di cent’anni: a chi appartengono?

Ora non resta altro che l’analisi al Carbonio 14, che partirà il prossimo 30 novembre a Caserta. Si cercherà di attribuire un’identità, in ogni caso, agli scheletri ritrovati nel corso di alcuni lavori di restauro della struttura. Ma qualsiasi collegamento con anche una sola delle due scomparse che dal 1983 hanno lasciato Roma con il fiato sospeso sembra essere del tutto escluso.

Resta da capire ora tutto lo scenario collaterale. Perché al momento del ritrovamento delle ossa qualcuno ha fatto trapelare l’indiscrezione della presunta appartenenza a Mirella Gregori e a Emanuela Orlandi? Perché il Vaticano ha rilasciato delle dichiarazioni prudenti che non sembravano, in fondo, smentire così categoricamente la circostanza? E perché per giorni si è andati avanti con questo teatrino, tra la comprensibile rabbia della famiglia di Emanuela Orlandi e dei suoi legali e le ciniche ricostruzioni della stampa riguardo a quello che è avvenuto ormai 35 anni fa.

Il muro di omertà sulla scomparsa di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori

I casi delle misteriose scomparse di Emanuela Orlandi e di Mirella Gregori continueranno a far parlare di sé. Anche se, nonostante il grande interesse che nel corso degli anni hanno suscitato, la sensazione è che non si riuscirà più ad abbattere il muro di omertà che circonda le due vicende da sempre accostate. L’unica certezza è ripartire dai dati a disposizione. E la cosa che si può dire a oggi è che le ossa ritrovate a Villa Giorgina non appartengono alle due adolescenti. Chissà a quale altro mistero del secolo scorso possono essere collegate.