Ocean Viking, da 11 giorni in mare con 356 persone a bordo: «Non potremo resistere all’infinito»

di Gaia Mellone | 21/08/2019

Ocean Viking, da 11 giorni in mare con 356 persone a bordo: «Non potremo resistere all'infinito»
  • La Ocean Viking aveva soccorso 85 migranti il 9 agosto

  • Dopo pochi giorni sono stati soccorsi altri 105 migranti

  • La situazione a bordo è ora «sotto controllo» ma non ancora per molto

Quello della Open Arms non è l’unico dramma che si stava consumando in questi giorni nelle acque del Mar Mediterraneo. Un’altra nave Ong, la Ocean Vikings è bloccata da 11 giorni in attesa di un porto sicuro con 356 persone a bordo

Ocean Viking, da 11 giorni in mare con 356 persone a bordo: «Non potremo resistere all’infinito»

Se si è sbloccata la situazione della nave Open Arms con il sequestro da parte della Procura ieri sera che ha quindi portato allo sbarco degli 83 migranti rimasti a bordo, la speranza è che possa sbloccarsi anche la situazione della Ocean Viking, la nave di  Sos Mediterranée e Medici senza frontiere che da 11 giorni aspetta che le venga indicato un porto sicuro nel quale poter attraccare a far sbarcare i 356 migranti a bordo, tra cui sono stati indicati un terzo composto da minorenni non accompagnati, 5 donne e 4 bambini.

Dall’Europa non c’è intenzione di usare due pesi né due misure. La portavoce dell’esecutivo comunitario Natasha Bertaud ha infatti dichiarato che la Commissione europea è pronta «ad iniziare il coordinamento per il ricollocamento dei migranti a bordo della Open Arms» sperando «che questo spirito di solidarietà sia dimostrato anche per i migranti a bordo della Ocean Viking», senza dimenticare di evidenziare la disponibilità ad accogliere migranti espressa da Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, e Romania. Il ministro dell’Interno francese Cristophe Castaner ha assicurato l’impegno del suo paese “«allo stesso livello della Open Arms per garantire che possano sbarcare al più presto le persone che si trovano su queste navi».

Nel frattempo dalla nave Ocean Viking arrivano appelli non ancora disperati ma preoccupanti. Il capo missione Nick Romaniuk ha detto a Repubblica che la situazione « è ancora sotto controllo, ma non potremo resistere all’infinito». A bordo le persone cominciano a chiedere perché non vengano fatte sbarcare, e il terrore di essere riportati in Libia potrebbe degenerare in atti pericolosi e folli. I primi migranti, circa 85 persone,  erano stati soccorsi il 9 agosto, mentre altri 105 erano stati soccorsi il 12 dello stesso mese. La maggior parte arriva dal Darfur e dal Sudan, e tutti sono stati prigionieri in Libia dove hanno subito torture di ogni tipo, come hanno testimoniato loro stessi agli psicologici e ai volontari, anche attraverso dei disegni che Sos Mediterranee France ha condiviso sui social network .

Gli ultimi arrivati ora sono stati sistemati sul ponte in legno, ma lo spazio è poco e le risorse non adatte ad una permanenza cosi affollata e cosi lunga. Nelle ultime ore la tensione è salita ancora di più, e si teme possa precipitare da un momento all’altro.

( credits immagine di copertina Twitter                    SOS MEDITERRANEE France‏Account verificato @SOSMedFrance)

https://twitter.com/SOSMedFrance/status/1163063766604537856

TAG: migranti