In Italia crescono i numeri dell’obesità infantile

di Enzo Boldi | 15/10/2019

Obesità infantile
  • L'Unicef ha pubblicato il rapporto sulla malnutrizione nei minori in tutto il Mondo

  • Rispetto al 1990 l'obesità infantile è aumentata in Italia quasi del 40%

  • Numeri che fanno parlare di una vera e propria "epidemia"

Mentre in Italia si è dibattuto per giorni sulla famosa ‘tassa sulle merendine’, ci sono numeri che evidenziano come il problema dell’obesità infantile non possa esser combattuto solamente andando a toccare i portafogli. Si tratta, infatti, di una cultura dell’alimentazione che manca sempre di più tra i giovani italiani. I numeri pubblicati da Unicef, infatti, mostrano un sensibile incremento dei minori in sovrappeso rispetto al 1990. Una crescita di circa un terzo rispetto al rilevamento dell’ultima decade del secolo precedente.

LEGGI ANCHE > Lorenzo Fioramonti vuole l’aumento dell’Iva per la Coca-Cola e per il cibo di lusso come il caviale

Si parla di obesità infantile, anche se la fascia di riferimento è quella che va dai cinque ai 19 anni. E la percentuale è da brividi: il 36,8% dei ragazzi è malnutrito e obeso. Un termine che non fa riferimento solamente a chi – per differenti motivi, spesso legati alla povertà – ha difficoltà nel reperire cibo, ma anche a chi mangia troppo e male. Il dato – che supera di un terzo la popolazione italiana nella fascia 5-19 – segna un aumento altrettanto cospicuo rispetto al 1990: l’obesità infantile è aumentata del 39,1%.

La malnutrizione e l’obesità infantile in Italia

«Malnutrizione non significa solo non avere da mangiare a sufficienza, ma anche mangiare in modo errato o malsano – ha spiegato il presidente di Unicef Italia, Francesco Samengo, presentando il nuovo rapporto ‘La condizione dell’infanzia nel mondo 2019: bambini, cibo e nutrizione – Crescere sani in un mondo in trasformazione’ -. Questo report vuole mettere in luce anche il problema dell’obesità infantile che sta assumendo le caratteristiche di una vera e propria epidemia».

I problemi di crescita e salute

In Europa orientale e in Asia centrale il trend è simile a quello italiano, seppur con numeri leggermente differenti. Dal 2000 al 2016, la percentuale di bambini e ragazzi in sovrappeso (sempre nella fascia 5-19) è raddoppiata da 1 su 10 a circa 1 su 5. Una questione di salute non solo per l’aspetto fisico – con tutto quello che ne consegue per via dell’atavico problema del bullismo nelle scuole -, ma anche per la crescita dei bambini che rischiano di vederla compromessa per via dell’obesità che ha gravi ripercussioni sulla struttura del proprio corpo.

(foto di copertina: SILVIO FASANO/ANSA-ARCHIVIO/TO)

TAG: obesità