Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 23 aprile

23/04/2020 di Ilaria Roncone

Nella giornata di oggi la Protezione Civile ha fornito l’aggiornamento sui numeri coronavirus 23 aprile tramite conferenza stampa, come annunciato la settimana scorsa. L’appuntamento non è più quotidiano ma limitato alle giornate di lunedì e giovedì, con i numeri coronavirus annunciati tramite comunicato stampa e post social della protezione nelle altre giornate. I dati coronavirus della giornata di oggi segnano un numero totale di attualmente positivi pari a 106.848; le vittime ammontano a 464 persone. Quest’ultimo dato porta il totale delle persone decedute a 25.549. I dimessi/guariti nella giornata di oggi sono 3033, dato che porta il numero totale a 57.576. I nuovi casi di coronavirus della giornata di oggi sono pari a 2.646. Nella giornata di oggi, finalmente, «i guariti sono più dei nuovi casi», sottolinea Borrelli.

LEGGI ANCHE >>> Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 22 aprile

Numeri coronavirus 23 aprile, cosa c’è di positivo

Tra i numero positivi della giornata di oggi rientrano senz’altro le oltre 25 mila candidature arrivate alla Protezione Civile da parte di operatori socio-sanitari che vogliono far parte dell’Unità da dedicare a RSA e istituti penitenziari. In venti giorni i malati in terapia intensiva della regione Lombardia sono dimezzati, anche se per far si che la positività vada avanti occorre avere ancora la massima cautela. rispetto alla giornata di ieri c’è stato un calo delle persone ricoverate in terapia intensiva pari a 117 persone. Numeri particolarmente confortanti, come sottolinea Borrelli, con i dimessi che superano i nuovi contagiati. Si tratta del quarto giorno con il numero di persone positive in netto calo (-851). Anche il numero di malati ricoverati, calati oggi di –1.051 pazienti.

Numeri coronavirus 23 aprile, cosa c’è di negativo

Dati negativi si registrano in alcune regioni che vedono salire il numero di casi rispetto a ieri: in Puglia +2,9%, nella provincia autonoma di Trento +2,2%, in Abruzzo +1,9%, in Liguria +1,9% e in Piemonte +1,8%. I morti, purtroppo, ammontano ancora a 464 persone.

(Immagine copertina dal profilo Twitter YouTrend)

 

Share this article