Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 13 novembre

Nella giornata di oggi i dati evidenziano un aumento dei nuovi contagi che sfonda il tetto dei 40 mila

13/11/2020 di Ilaria Roncone

numeri coronavirus 13 novembre

I numeri coronavirus 13 novembre restituiscono un numero di nuovi positivi pari a 40.902 casi e 550 morti e254.908 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Le persone attualmente positive sono 663.926 mentre i decessi, con i 550 morti di oggi, salgono – da inizio pandemia – a 44.139. I dimessi e guariti sono 11.480 mentre i nuovi ricoveri sono 1.101 di cui 60 in terapia intensiva. Il totale dei tamponi da inizio pandemia è di 18.455.416 mentre il totale dei casi sale, con il dato di oggi, a 1.107.303.


LEGGI ANCHE >>> Cosa c’è di positivo e cosa c’è di negativo nei dati sul coronavirus del 12 novembre

Numeri coronavirus 13 novembre, cosa c’è di positivo

Il numero di nuovi pazienti che oggi necessitano di cure intensive cala rispetto a ieri, quando sono entrati nel reparto dedicato 89 nuovi pazienti. Cala anche il numero dei decessi, che oggi si ferma a 550 mentre ieri era arrivato a quota 636. Sale il numero dei tamponi, che oggi passa abbondantemente la quota dei 250 mila test effettuati in sole 24 ore. Rimane praticamente invariato il rapporto tra i tamponi effettuati e i nuovi casi di coronavirus individuati; ieri il tasso di positività era al 16,2%, oggi scende di pochissimo arrivando al 16,04%.

Numeri coronavirus 13 novembre, cosa c’è di negativo

Oggi vediamo una diminuzione delle persone dimesse e guarite, che ieri avevano raggiunto quota 15.645 mentre oggi si sono fermate a 11.480. Quello di oggi è un nuovo record di contagi, che supera quello del 7 novembre – quando sono stati 39.811 – superando il picco di 40 mila nuovi casi. Nella giornata di oggi il maggiore aumento di casi si registra, come accade quasi sempre, in Lombardia – +10.634 nelle ultime 24 ore -, in Piemonte, con 5.258 nuovi positivi al coronavirus, in Campania, dove il dato segna +4.079. Appena giù dal podio dei maggiori aumenti troviamo Veneto (3.605), Lazio (2.925), Toscana (2.478) e Emilia-Romagna (2.384).

Share this article