Nicola Zingaretti spera che Matteo Renzi non lasci davvero il Partito Democratico

di Gaia Mellone | 11/09/2019

Nicola Zingaretti spera che Matteo Renzi non lasci davvero il Partito Democratico
  • Nicola Zingaretti ospite a Porta a Porta

  • Il segretario del Pd si augura che Matteo Renzi non sia davvero intenzionato a separarsi

  • E al Movimento 5 Stelle dice: «Insieme intorno allo stesso tavolo, nessuno metta la sua figurina Panini»

Nicola Zingaretti ospite della trasmissione Porta a Porta ha mostrato una certa apertura verso il suo predecessore Matteo Renzi, la cui influenza sarebbe stata di un certo peso sulla formazione del nuovo governo giallorosso ma che sembra sia pronto ad uno “scisma”. E al Movimento 5 Stelle dice: «Insieme intorno allo stesso tavolo, nessuno metta la sua figurina Panini».

LEGGI ANCHE > Intesa M5S e Pd su taglio dei parlamentari e legge elettorale, ma c’è il fantasma di Matteo Renzi

Nicola Zingaretti spera che Matteo Renzi non lasci davvero il Partito Democratico

Matteo Renzi lascerà il partito Democratico? «Come ha detto Papa Francesco sullo scisma, meglio evitarlo». Risponde così Nicola Zingaretti durante la trasmissione di Porta a Porta alla domanda sulla possibile formazione da parte di Renzi di un gruppo parlamentare a sé. Il segretario del Pd aggiunge anche che «non si capirebbero i motivi di un fatto lacerante», suggerendo ai giornalisti che trattano il possibile scisma di «chiedere non solo se si fa qualcosa, ma anche perché la si vuole fare».

L’invito al M5S: «Insieme allo stesso tavolo per superare le differenze»

Nella giornata di mercoledì 11 settembre sono cominciate anche le trattative per la lista dei sottosegretari. Un ulteriore test per l’alleanza inaspettata giallorossa, anche se i leader di entrambi i partiti pubblicamente rilasciano commenti positivi sulla collaborazione tra le due forze e sull’intesa raggiunta. Ma Nicola Zingaretti dal salotto di Bruno Vespa avverte: «Bisogna ricostruire una visione comune, è quello che dovremo fare. Lo dico anche ai nostri alleati del M5S: guai a contemplare le nostre differenze». L’obbiettivo finale deve restare comune e condiviso, e per questo invita i partner di governo a «sedersi intorno a un tavolo e trovare una sintesi, nessuno metta la sua figurina Panini». «Si può aprire una stagione nuova – ha aggiunto Zingaretti -, non cominciamo a litigare sui comunicati stampa».

(Credits immagine di copertina: ANSA/FABIO FRUSTACI)