A New York i morti per Covid finiscono sepolti nelle fosse comuni di Hart Island | VIDEO

10/04/2020 di Ilaria Roncone

La gestione delle persone che vengono a mancare in questo periodo è probabilmente tra i temi più delicati e dolorosi. Come quando qui in Italia non c’era posto a sufficienza per i morti di coronavirus nella provincia di Bergamo, con l’esercito che portava via le bare dei defunti, anche nella città di New York le autorità si stanno occupando della gestione dei corpi dei defunti. L’attenzione è stata riportata tutta su Hart Island, luogo storico che per anni ha accolto i cadaveri delle persone mai reclamati dalla famiglia.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Stefano Massini si commuove parlando della ‘processione’ di bare a Bergamo

Hart Island, la fossa comune dei corpi mai reclamati


Ci sono persone che muoiono sole, che non possono permettersi né funerali né posti al cimitero. Sono quelle di cui nessuno reclama mai i cadaveri, le stesse che – come dimostra il video girato da un drone nella giornata di ieri – vengono sepolte nelle fosse comuni di Hart Island, nel Bronx. Come ha riferito il portavoce del sindaco di New York, Freddi Goldstein, «si tratta di un luogo che è stato utilizzato per decenni allo scopo di depositare i corpi di persone non reclamati dai familiari. Continueremo ad utilizzare l’isola in questo modo durante la crisi attuale. Molto probabilmente le persone che muoiono a causa del coronavirus e i cui corpi non saranno reclamati verranno bruciate in questo luogo nei prossimi giorni».

Aggiunte due nuove trincee nelle fosse comuni di New York

Come riferito da Jason Kersten, portavoce del Dipartimento Penitenziario della Grande Mela, sono state aggiunte due nuove trincee utili a questo scopo. Gli Stati Uniti sono ormai il paese più colpito dalla pandemia in termini di dati, col maggior numero di contagi al mondo. Le immagini delle bare in fila, depositate nelle fosse, hanno avuto un impatto molto simile a quello dei veicoli dell’esercito italiano a Bergamo. Immagini che, più delle parole, veicolano un messaggio preciso: siamo solo noi a poter invertire questo trend, rispettando le regole di distanziamento sociale imposte. Solo così non si dovrà più assistere a scene del genere.

(Immagine copertina dal video del drone su Hart Island)

 

Share this article