Netflix ha salvato lo storico Paris Theatre di New York

di Gaia Mellone | 26/11/2019

Netflix ha salvato lo storico The Paris Theatre di New York
  • Il Paris Theatre a Manhattan è l'ultimo cinema monosala rimasto a New York

  • Luogo iconico e pieno di fascino, aveva chiuso i battenti dopo 71 anni di attività

  • A salvarlo ci ha pensato Netflix

Dopo le numerose querelle con diversi cinema in tutto il mondo per la proiezione dei contenuti originali, Netflix compie il grande passo. La piattaforma di streaming ha infatti firmato un contratto di locazione con cui ha salvato il Paris Theatre, lo storico e iconico cinema monosala di New York.

Netflix ha salvato lo storico Paris Theatre di New York

LEGGI ANCHE> Netflix si allea con Mediaset, e sventola bandiera bianca con la Procura di Milano

Le porte del Paris Theatre si erano riaperte con la proiezione di “A Marriage Story“, il nuovo prodotto originale di Netflix con la regia del newyorkese Noah Baumbach. Una sorta di nuova “Kramer vs Kramer” con Scarlett Johansson e Adam Driver che ha conquistato il pubblico della 76ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia questo agosto e che, dopo essere stato proiettato in alcune sale italiane selezionate dal 18 al 20 novembre, approderà sulla piattaforma di streaming dal 6 dicembre.

Una pellicola che ha portato fortuna all’iconico cinema, inaugurato da Marlene Dietrich nel settembre del 1948 con la proiezione de “Angelo Azzuro”. Il piccolo cinema, l’ultimo monosala rimasto a New York, è stato citato da David Bowie e da Sarah Jessica Parker in Sex and The City come uno dei luoghi più magici di Manhattan. The Paris Theatre è diventato «un simbolo del cinema di prestigio» si legge nel comunicato stampa con cui Netflix ha annunciato la firma del contratto di locazione, ricordando come il Paris Theatre abbia il merito di aver introdotto al pubblico americano «rinomati film in lingua straniera», citando il «”Romeo e Giulietta” di Franco Zeffirelli la cui proiezione durò per quasi un anno intero dal 1968-1969». E ancora, «”Un uomo e una donna” di Claude Lelouch; la commedia “Divorzio all’italiana” di Marcello Mastroianni» fino al “Pavarotti” di Ron Howard, dopo il quale il cinema ha chiuso i battenti dopo 71 anni di attività. Ma a riaprirlo ci ha pensato Netflix, che ha fatto sapere di voler utilizzare lo spazio non solo per proiettare i contenuti originali difficilmente distribuiti nei cinema, ma anche per ospitare eventi, conferenze e presentazioni.

«Il Paris Theatre ha un’eredità duratura e rimane la destinazione per un’esperienza cinematografica unica nel suo genere – ha dichiarato Ted Sarandos, Chief Content Officer di Netflix – Siamo incredibilmente orgogliosi di preservare questa storica istituzione di New York in modo che possa continuare a essere una casa cinematografica per gli amanti del cinema».

 

(Credits immagine di copertina:  All courtesy of Netflix, by Marion Curtis)

TAG: Netflix