In piazza Montecitorio spunta l’esorcista di Luigi Di Maio | VIDEO

di Enzo Boldi | 09/09/2019

Montecitorio
  • Tra le bandiere tricolore ecco sbucare un uomo vestito da prete

  • Brandendo un crocifisso, chiede a Luigi Di Maio di pentirsi

  • A Montecitorio è andato in scena anche l'esorcismo

Quella di piazza Montecitorio è stata una manifestazione colorata e colorita. Colorata per via delle bandiere tricolore chiamate a raccolta e fatte sventolare per tutta la mattinata, mentre il presidente del Consiglio Giuseppe Conte leggeva le sue dichiarazioni programmatiche prima del voto di fiducia alla Camera dei deputati; colorite per via della presenza di alcuni personaggi che – interpretando un ruolo o essendo solamente sé stessi, questo possono saperlo solamente loro – si sono resi protagonisti di una pagina di comicità della politica e della società italiana.

Tutto d’un tratto, non distante dal palco e con lo sguardo fisso rivolto verso Montecitorio, compare davanti alle telecamere dei cronisti giunti in piazza per seguire l’evento un uomo con abito talare e crocifisso in mano. Lo si vede agitarsi brandendo il simbolo padre del cristianesimo, mentre si rivolge deciso e diretto nei confronti del leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio. Il tutto davanti all’obiettivo delle telecamere e degli smartphone.

Il ‘prete’ che a Montecitorio esorcizza Di Maio

«Pentiti! Di Maio pentiti – grida l’uomo che, indossando un abito talare, impugna nella mano destra un crocifisso e lo brandisce in direzione Montecitorio -. Torna indietro, sono massoni! Sono satanisti! In nome di Gesù e della Santa Vergine Maria, pentiti!». Un grido di disperazione per l’accordo siglato tra Movimento 5 Stelle e il Partito Democratico, con il benestare e la trattativa portata avanti proprio dal leader pentastellato. Come ricordato da alcuni nostri lettori, l’uomo non era nuovo ad apparizioni simili. Si tratta, infatti, di Davide Fabbri -sedicente diacono di Rimini della Milizia di San Michele Arcangelo – già protagonista di proteste sui generis, in giro per l’Italia.

La fiducia alla Camera

Una scena non nuova – per lo meno nell’obiettivo – ma del tutto innovativa per la citazione salviniana fatta dall’uomo vestito da prete (non sappiamo se lo sia realmente). Il tutto in una piazza Montecitorio dove si stava protestando contro il governo PD-M5S e la fiducia da dare a Giuseppe Conte alla Camera (oggi) e al Senato (domani).

(foto di copertina: da video condiviso da Pietro Raffa)