Ecco il ‘nuovo modulo’ per l’autocertificazione

di Enzo Boldi | 26/03/2020

Modulo Autocertificazione

Gli appassionati di Harry Potter ricorderanno quel che si diceva delle scale della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts: «Tenete d’occhio le scale, a loro piace cambiare». E così come accadeva a quei gradini, anche al modulo autocertificazione – quelli che dobbiamo portare sempre in tasca quando si esce di casa per motivi di lavoro o di stretta necessità – piace cambiare. Ancora una volta, tra poche ore, infatti arriverà un nuovo testo da stampare e compilare. L’ennesimo dall’inizio dell’emergenza.

LEGGI ANCHE > Cambia ancora l’autocertificazione, si dovrà indicare il luogo da cui si è partiti e quello in cui si arriverà

Ad annunciare un nuovo cambiamento è stato il capo della Polizia Franco Gabrielli. Intervenuto ai microfoni di SkyTg24, ha spiegato come la variazione della normativa negli ultimi giorni ha reso indispensabile la modifica del testo del documento. A breve, dunque, sul sito del Ministero dell’Interno verrà pubblicato – in formato pdf modificabile e compilabile anche da pc – il nuovo modulo autocertificazione. Ecco il nuovo modulo

Si deve dichiarare di essere a conoscenza degli ultimi provvedimenti dei DPCM (quello del 25 marzo 2020, il numero 19) e delle ulteriori limitazioni locali in base alle ordinanze Regionali.

In arrivo il nuovo modulo autocertificazione

«Sono state fatte ironie, ma cambiano le disposizioni e noi dobbiamo aggiornare il modulo, anche per intercettare le domande dei cittadini», ha spiegato Franco Gabrielli a SkyTg24. Nell’ultimo DPCM pubblicato in Gazzetta Ufficiale, infatti, sono state modificate alcune norme, con particolare riferimento alle sanzioni da comminare a chi le vìola. E tutto questo deve necessariamente essere inserito nel nuovo modulo autocertificazione che dovrebbe essere pubblicato a breve – probabilmente entro la fine della giornata di oggi – sul sito ufficiale del Viminale.

I continui cambiamenti

Tra i cambiamenti che saranno riportati sul nuovo modello da stampare e portare con sé quando si esce di casa, ci sono proprio le ultime disposizioni del governo. Gabrielli ha fatto esplicito riferimento «all’articolo 260 delle leggi sanitarie e prevede l’arresto da 3 a 18 mesi e una sanzione amministrativa da 500 a 5000 euro». Questo rende necessario le ulteriori modifiche.