Mihajlovic, nuovo passo avanti: dimesso dopo il secondo ciclo di chemio

di Redazione | 08/10/2019

Mihajlovic

Il secondo step può dirsi concluso. Sinisa Mihajlovic sta continuando a lottare contro la leucemia e oggi, con le sue dimissioni dall’ospedale Sant’Orsola di Bologna arrivate in mattinata intorno alle 11.15, può dire di aver terminato anche il secondo ciclo di chemioterapia. Ora, l’allenatore del Bologna trascorrerà un breve periodo di riposo in famiglia.

LEGGI ANCHE > Mihajlovic: «Ho la leucemia, ma è attaccabile: vincerò»

Mihajlovic è uscito dall’ospedale

L’intenzione di Sinisa Mihajlovic, vista la sua uscita dall’ospedale, è quella di tornare a fare il mister a tempo pieno, compatibilmente con il suo quadro clinico. Il suo sogno, infatti, pare sia quello di tornare a dirigere gli allenamenti dei suoi ragazzi del Bologna e possibilmente accompagnarli anche in trasferta. Fino a questo momento, invece, Sinisa Mihajlovic aveva assistito soltanto alle partite casalinghe dei rossoblù allo stadio Dall’Ara.

L’ultima domenica in panchina era stata quella appena trascorsa, quando il Bologna ha affrontato la partita contro la Lazio. Ma l’idea di Mihajlovic è quella di stare vicino alla squadra in maniera sempre più continua. Dall’annuncio della sua malattia, ormai, sono passati quasi due mesi. Dopo i primi tempi e dopo le manifestazioni d’affetto di tutta la società e di tutti i tifosi del Bologna, l’ex difensore di Sampdoria, Lazio e Inter ha iniziato a convivere con la leucemia, sottoponendosi alle cure del caso.

In panchina anche contro la Juventus

Ora, la riabilitazione proseguirà seguendo le tappe prescritte dai medici del Sant’Orsola. In questa breve pausa dalle terapie, tuttavia, Mihajlovic non sembra avere affatto intenzione di mollare la presa: il Bologna e il suo impegno con la squadra restano sempre ai primi posti delle sue priorità giornaliere. Ha già messo la Juventus nel mirino, nel week-end successivo alla sosta della Serie A per le partite della nazionale.