Il Corriere della Sera dice che la seconda ondata del virus «magari sarà portata dai migranti»

di Enzo Boldi | 25/06/2020

Migranti contagiati
  • Il commento di Massimo Franco sugli scenari politici del prossimo settembre

  • Poi le parole sulla seconda ondata che potrebbe arrivare dall'Africa

  • Il tema parte da quei migranti contagiati soccorsi

Partiamo dalle basi: i migranti contagiati a bordo della nave Moby Zazà a largo di Porto Empedocle sono stati individuati grazie al protocollo sanitario ad hoc sulle persone soccorse in mare. In sintesi: i controlli ci sono e restano molto accurati per la tutela delle stesse persone aiutate e degli italiani. E se da Salvini ci si aspetta la classica speculazione – come puntualmente accaduto ieri -, fa un effetto ben diverso trovare una firma come quella di Massimo Franco sostenere (o alludere) a una seconda ondata a settembre portata, magari, dai migranti che arrivano dall’Africa.

LEGGI ANCHE > Il Corriere e la doppia pagina dedicata a un libro che dice: «Se Mussolini fosse morto 10 anni prima, sarebbe ricordato in modo diverso»

L’articolo a firma Massimo Franco compare oggi su Il Corriere della Sera a pagina 13. Si parla dei retroscena e degli scenari politici che arriveranno dopo l’estate, con la politica in pieno subbuglio tra le elezioni Regionali, le amministrative e il referendum sul taglio dei parlamentari. Il tutto sarà solamente un’appendice alle nuove sfide che la maggioranza dovrà affrontare per mantenere il suo posto al governo. Poi, però, tra questi scenari arriva un commento che poco ha a che vedere con la situazione politica e che fa da sponda alla notizia dei migranti contagiati.

Migranti contagiati, il commento di Massimo Franco sul Corriere

«Settembre fa paura per molte ragioni – scrive Massimo Franco su Il Corriere della Sera -. La prima è un fantasma di un coronavirus di ritorno, magari portato dagli immigrati dall’Africa». Il tutto dopo la notizia di ventotto (28) persone soccorse in mare e poi risultate contagiate.

(foto di copertina: da Di Martedì + Il Corriere della Sera del 25 giugno 2020)