Ufficiale, uno Schumacher tornerà a guidare una Ferrari in Formula 1

di Enzo Boldi | 26/03/2019

Mick Schumacher
  • Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata, finalmente, l'ufficialità

  • Mick Schumacher guiderà la Ferrari nei test che la Formula 1 faraà in Bahrain la prossima settimana

  • Il nome Schumacher legato alla Rossa di Maranello mancava da oltre 13 anni

L’indiscrezione era stata lanciata qualche giorno fa e martedì mattina è arrivata la conferma e l’annuncio ufficiale: Mick Schumacher, figlio del grande campione tedesco Michael, guiderà la Ferrari nei test in Bahrain della Formula 1. Il giorno tanto atteso sarà martedì 2 aprile, a due giorni dal Gran Premio che si disputerà lì nel prossimo fine settimana. Il nome Schumacher, che sta diventando una vera e propria dinastia teutonica nei motori, era lontano dal Cavallino Rampante da oltre 13 anni.

Mick Schumacher farà il proprio debutto sulla Rossa di Maranello SF90 nel primo giorno dei test che seguiranno il Gran Premio del Bahrain, martedì 2 aprile. Il pilota tedesco, che già fa parte della Ferrari Driver Academy (FDA), guiderà in entrambe le giornate, cominciando con la Ferrari e girando il mercoledì (3 aprile) sulla monoposto del team Alfa Romeo Racing, squadra sempre più satellite della Ferrari.

 

Mick Schumacher guiderà la Ferrari in Bahrain (anche se sono solo test)

«Sono ovviamente molto felice per questa opportunità e vorrei ringraziare Ferrari per aver pensato a me. Non vedo l’ora di godermi questa incredibile esperienza – ha commentato Mick Schumacher dopo l’annuncio ufficiale da parte di Maranello -. Per ora però preferisco non pensare al test con Ferrari e Alfa Romeo Racing ma continuare a concentrarmi sul mio debutto F2. Fino a domenica preferisco pensare solo a questo». E proprio in Bahrain il figlio di Michael Schumacher sarà impegnato in questo fine settimana per il suo primo Gran Premio in Formula2, a bordo della monoposto del team Prema.

Le aspettative dell’ingegner Binotto

«Crediamo fortemente nel valore della Ferrari Driver Academy come programma formativo di alto livello per giovani talenti, e la scelta di avere promosso Charles Leclerc a pilota titolare lo dimostra. Siamo quindi molto contenti di offrire a Mick e Callum la possibilità di prendere contatto con la Formula 1 – spiega il team principal della Ferrari, Mattia Binotto -. Mick, che abbiamo accolto a gennaio in FDA, e Callum, con noi dal 2017, sono certamente piloti in crescita e sono convinto che provare la SF90 in un contesto ufficiale come i test del Bahrain e di Barcellona possa essere molto utile in questa fase della loro carriera».

 

(foto di copertina: archivio DPA)