Mentana fa una maratona per la fiducia in Senato e si perde il momento della fiducia in Senato

di Redazione | 11/09/2019

Mentana
  • Enrico Mentana ha coperto con una maratona anche il voto di ieri al Senato

  • Ma al momento della comunicazione dei risultati, La7 è andata in pubblicità

  • Al rientro in trasmissione, il direttore della testata si è arrabbiato

Danno e beffa. Ma almeno, dal punto di vista economico, non è cambiato nulla. Enrico Mentana, direttore del Tg La7, è diventato famoso per un format politico di successo: quello della #maratonamentana. Quando c’è un evento politico o un fatto eccezionale, il giornalista organizza una diretta monstre su La7, che dura per ore. Lo ha fatto anche nella giornata del 10 settembre, per coprire il voto di fiducia al Conte-2 in Senato.

Mentana e il ‘buco’ sul voto di fiducia al Senato

Tuttavia, Mentana ha un problema che si trascina dietro da tantissimo tempo. Quello degli spazi pubblicitari che, a intervalli regolari, interrompono la trasmissione. Spesso, infatti, questi spot su La7 – che legittimamente vengono inseriti per finanziare i programmi in palinsesto e che permettono all’editore di creare un modello economico di successo – intervengono anche nei momenti più delicati della giornata, quando si verificano dei passaggi fondamentali.

È successo anche ieri: Enrico Mentana, con i suoi inviati Paolo Celata e Alessandra Sardoni e con i suoi ospiti in studio, ha lavorato in maniera impeccabile per ore, aspettando l’esito della votazione a Palazzo Madama. Un esito che non era scontato, soprattutto per quanto riguarda i numeri. La pubblicità ha interrotto proprio il momento in cui Maria Elisabetta Alberti Casellati ha comunicato il risultato del foto di fiducia, passato con 169 sì.

La promessa di Mentana che non è stata mantenuta dalla regia | VIDEO

Inizialmente, Enrico Mentana aveva promesso ai telespettatori che, nel caso la presidente del Senato avesse iniziato a proclamare i risultati, la regia avrebbe immediatamente interrotto la pubblicità. Invece, così non è stato e il direttore, al momento del ritorno in studio, è andato su tutte le furie: «Ci colleghiamo con il Senato – ha detto Mentana – perché in realtà la fiducia è già stata data e i senatori si congratulano con il presidente Conte: quella di non interrompere la pubblicità è stata una scelta che mi ha fatto arrabbiare non poco e che ha fatto arrabbiare anche voi. Evidentemente, non gli andava di interrompere la pubblicità». Immaginiamo già la riunione post-trasmissione. Del resto, come dare torto a Enrico Mentana?

FOTO: Un frame della #maratonamentana di ieri 10 settembre 2019