La faccia di Maurizio Martina mentre Sgarbi dice che il Pd «lecca il c*lo ai giudici e al M5S» | VIDEO

di Enzo Boldi | 13/02/2020

Maurizio Martina

Questa mattina a L’Aria che tira, trasmissione di approfondimento politico di La7, è andato in onda un finale convulso. Come spesso capita, quando va ospite in qualche programma, a scompigliare le carte è stato Vittorio Sgarbi che, con i suoi modi, ha voluto portare una pesante critica al Partito Democratico. Il tutto, ovviamente, si incentrava sul voto del Senato che ieri ha dato il via all’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini per il caso Gregoretti. E nel mirino del parlamentare, sindaco e critico d’arte, è finito Maurizio Martina (presente in studio).

LEGGI ANCHE > Senaldi chiede di processare Conte e Lamorgese per il «sequestro» degli italiani in quarantena sulla nave giapponese

Il dibattito sul voto al Senato si stava esaurendo, con i titoli di coda de L’Aria che Tira che già scorrevano sui teleschermi. E lì è arrivata la stoccata di Vittorio Sgarbi al Partito Democratico, con tanto di riferimenti gestuali al rappresentante dem presente in studio: l’ex segretario Maurizio Martina.

 

La faccia di Maurizio Martina mentre Sgarbi gli dava del «leccaculo»

«La politica deve essere autonoma – ha tuonato Vittorio Sgarbi -. È ora di finirla! Questi (indicando Maurizio Martina, ndr) leccano il culo ai giudici e per fortuna c’è Renzi che glielo ha detto: ‘Non siamo i passacarte dei magistrati’. Adesso leccano il culo ai Cinque Stelle, altrimenti non governano. È ora di finirla! I Cinque Stelle sono morti».

La balistica delle dichiarazioni del critico d’arte

E mentre andava in scena l’attacco a suon di «leccaculo», Maurizio Martina osservato il tutto con uno sguardo sconcertato e perso nel vuoto. In fondo Sgarbi è molto conosciuto, così come lo sono i suoi modi di fare e parlare quando deve andare contro qualcuno che non la pensi come lui, anche in politica.

(foto di copertina: da L’Aria che tira, La7)