Maurizio Costanzo risponde in malo modo ad un ascoltatore: «Si infili la frequenza dove dico io»

di Gaia Mellone | 29/10/2019

Maurizio Costanzo risponde in malo modo ad un ascoltatore, è polemica

Maurizio Costanzo ha perso le staffe durante la conduzione del programma radiofonico Strada Facendo in onda su Isoradio. Quando un ascoltatore ha telefonato criticando la trasmissione, il giornalista lo ha invitato a «infilarsi la frequenza» laddove «più lo aggrada».

Maurizio Costanzo risponde in malo modo ad un ascoltatore

LEGGI ANCHE> Maurizio Costanzo svela il segreto per invecchiare bene: «Mi conservo i nemici»

Maurizio Costanzo non ha ben recepito le critiche esposte da un ascoltatore durante la telefonata alla trasmissione Strada Facendo condotta dal giornalista su Isoradio. All’ascoltatore infatti ha risposto che, se non gli piaceva il programma, poteva tranquillamente cambiare frequenza. Salvo poi aggiungere un dettaglio colorito: «Le dico io dove se la mette la frequenza. Dove più le aggrada. E io so dove le aggrada».

L’Usigrai chiede provvedimenti contro Maurizio Costanzo

Parole che hanno suscitato diverse polemiche, fino ad arrivare all’attenzione delll’Esecutivo dell’Unione Sindacale Giornalisti Rai (Usigrai) che in un comunicato stampa ha preso le distanze dal comportamento del giornalista. «Siamo disgustati. Anche se a distanza di diversi giorni, siamo venuti a conoscenza di ciò che è andato in onda durante il programma di Isoradio Strada facendo – si legge nel comunicato –  Le parole pronunciate da Maurizio Costanzo sono una vergogna e incompatibili con la Rai Servizio Pubblico». L’Usigrai ha quindi dichiarato di aspettarsi «un intervento urgente e deciso da parte dei vertici aziendali» i quali «nel rispetto del Contratto di Servizio» avrebbero «già dovuto prendere i dovuti provvedimenti. Perché sia chiaro che certe cose non possono essere tollerate».

La replica di Maurizio Costanzo

Maurizio Costanzo ha quindi replicato dicendosi dispiaciuto di «aver disgustato il rappresentante dell’Usigrai» spiegando che «non era nelle mie intenzioni». Il giornalista ha però tenuto ad evidenziare «senza assoluta polemica» che «talvolta mi disgusto a risentire perché sembra che parliamo da un fondo di una cantina anziché davanti a dei microfoni….questo!». «Uno a uno, palla al centro» ha concluso.

Ultimo aggiornamento: 15:47

(Credits immagine di copertina: ANSA/CLAUDIO PERI)