Brusaferro ricorda che le mascherine chirurgiche sono monouso

di Enzo Boldi | 04/06/2020

  • Non ci sono evidenze scientifiche che parlano di riutilizzo e ricondizionamento

  • Lo ha spiegato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro

  • Sconsigliato il riutilizzo delle mascherine monouso (quelle chirurgiche)

Le mascherine monouso sono monouso. Lo ha spiegato questa mattina in audizione alla Commissione di inchiesta sulle attività illecite sugli illeciti ambientali il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro. Quella che potrebbe sembrare un’ovvietà, in realtà è una spiegazione tecnica – corroborata da studi ad hoc realizzati nel corso delle ultime settimane – sull’utilizzo dei dispositivi di protezione, come le mascherine chirurgiche. Non c’è alcuna evidenza che il riutilizzo e il ricondizionamento siano efficaci contro il virus.

LEGGI ANCHE > Crisanti dice che se Zangrillo fosse andato a Vo’ a inizio gennaio avrebbe detto che il virus non esisteva

«Nel caso delle mascherine chirurgiche, l’orientamento è di considerare le attuali mascherine, prodotte con materiali diversi difficilmente sanificabili, come non lavabili e non riutilizzabili – ha spiegato Silvio Brusaferro -. Uno studio in laboratorio ha rilevato parti di virus nella parte interna delle mascherine dopo 7 giorni dall’inoculo». Per questo motivo le mascherine monouso – quelle chirurgiche e non in tessuto lavabile e sanificabile – non dovrebbero essere riutilizzate dopo averle indossate. La loro efficacia, come spiegato dallo stesso presidente dell’ISS, è stata dimostrata fino a sei ore.

Mascherine monouso non si possono riutilizzare

«Per quel che riguarda la possibilità di ricondizionare le mascherine monouso (quelle chirurgiche, ndr) per il loro riutilizzo, sono stati proposti alcuni sistemi di bonifica basati sull’utilizzo del calore secco che hanno mostrato un’efficacia nei confronti di alcuni virus e hanno superato i test di performance – ha dichiarato Brusaferro -. Presentano, però, elementi di incertezza che necessitano ulteriori approfondimenti».

I tessuti che si deteriorano con l’uso

Lo stesso Brusaferro, ha spiegato che le mascherine monouso sono state ideate proprio per non essere utilizzate più volte. I materiali utilizzati, infatti, sono soggetti a deterioramento nel tempo e perdono la loro efficacia se esposte a umidità o ad altri sistemi di disinfezione. Per questo motivo è sconsigliato il ricondizionamento e il riutilizzo.

(foto di copertina: da Pixabay)

TAG: mascherine