La morte di Maria Paola Gaglione, fermato il fratello. L’accusa: «Omicidio aggravato da omofobia, non accettava la sua relazione»

L'episodio si è verificato a Caivano

di Redazione | 13/09/2020

Maria Paola Gaglione

Maria Paola Gaglione, 20 anni, aveva da qualche tempo una relazione con un uomo trans. Una relazione che, a quanto pare, il fratello non accettava. Tanto da spingerlo a tallonare da molto vicino, nella notte tra venerdì e sabato, lo scooter su cui viaggiava la coppia, provocando un incidente nel corso del quale la sorella ha perso la vita. L’uomo, fermato a Caivano, è accusato anche di morte in conseguenza di altro reato, lesioni private – dopo l’incidente avrebbe anche picchiato il compagno di Maria Paola Gaglione -, il tutto aggravato da omofobia.

LEGGI ANCHE > Quali sono gli estremi e quali sono le reali ragioni che muovono l’istituzione di una legge anti-omofobia

Maria Paola Gaglione e le ammissioni del fratello

Non è chiarissima la dinamica dell’incidente: la donna potrebbe aver perso il controllo del mezzo oppure il suo scooter potrebbe essere stato speronato direttamente dall’auto del fratello. Fatto sta che il fratello di Maria Paola Gaglione avrebbe iniziato ad ammettere le sue responsabilità, dopo l’inchiesta aperta dalla procura di Nola. Tuttavia, l’uomo ha affermato che non aveva intenzione di uccidere nessuno, ma soltanto di «dare una lezione» alla sorella per la vita che stava conducendo. 

Antonio Angelino, Enzo Falco e Salvatore Ponticelli, candidati a sindaco a Caivano, hanno sospeso la loro campagna elettorale per rispetto al dolore della comunità della cittadina del Napoletano. Tuttavia, nelle dichiarazioni, si parla genericamente di incidente stradale e non della storia – che presenta dei tratti inaccettabili in un Paese civile – di omofobia che lo ha provocato.

Intanto, il compagno di Maria Paola Gaglione è stato medicato al pronto soccorso di Villa dei Fiori dai: per lui una frattura al braccio e diverse contusioni ed escoriazioni ad una spalla, conseguenza dell’incidente e delle percosse subite.

FOTO di Maria Paola Gaglione dai profili social

TAG: Omofobia