Estate 2020 al mare, un metro di distanza anche in acqua e niente feste in spiaggia

di Ilaria Roncone | 04/06/2020

  • L'ISS ha pubblicato il vademecum per recarsi in spiaggia quest'estate

  • Qualsiasi cosa si faccia va mantenuto un metro di distanza, sia in acqua che sulla spiaggia

  • Non saranno consentiti eventi né assembramenti di nessun tipo

Ce lo aspettavamo, certo, ma con il rapporto dell’ISS che rende note le regole che bagnanti e gestori dovranno rispettare per questa stagione balneare la situazione diventa più chiara. Nel vademecum per la sicurezza al mare pubblicato la regola attorno alla quale tutto gira è una sola: distanziamento sociale contro gli assembramenti. Il rapporto è frutto del lavoro dell’ISS con il Ministero della Salute, l’Inail, il Coordinamento di Prevenzione della Conferenza Stato Regioni, esperti delle Arpa e altre istituzioni. Ci aspetta quindi un’estate un po’ difficile dal punto di vista delle vacanze al mare, con una serie di regole da seguire per garantire la sicurezza di tutti.

LEGGI ANCHE >>> Brusaferro mette in guardia sull’«eccessiva disinfezione delle superfici»

Prenotazioni online e distanziamento anche in mare

Per accedere ai lidi occorrerà prenotare online per fasce orarie, così da permettere di controllare l’affluenza; in spiaggia la distanza andrà mantenuta non solo fuori dall’acqua ma anche mentre si fa il bagno. Oltre a questo, chi lavora negli stabilimenti sarò costantemente sottoposto alla misurazione della temperatura. Gli utenti verranno inoltre registrati e rimarranno nei databse per i 14 giorni successivi così da poter rintracciare eventuali contatti avvenuti con persone che si rivelano essere positive (il tutto nel rispetto delle norme di privacy). Ci saranno anche percorsi dedicati per guidare le persone allo spostamento e far si che si rimanga sempre ad almeno un metro di distanza da persone che non sono dello stesso nucleo familiare. La regola vale anche facendo il bagno in acqua.

No a feste, falò, concerti in spiaggia

Un’estate anomala anche da questo punto di vista, considerata l’abitudine nostrana di fare festa e organizzare eventi sulle spiagge durante tutto il periodo estivo. Non ci saranno forme di aggregazioni questo Ferragosto – no a feste, concerti, eventi sociali, ballo, degustazioni e buffet -, solo la possibilità di partecipare ad eventi musicali da seduti, con il dovuto distanziamento sociale garantito. Anche i bambini non potranno giocare liberamente in spiaggia e dovranno mantenere la distanza con quelli degli altri ombrelloni, con l’obbligo per tutti di indossare la mascherina quando non si può mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro.

Sanificazione dell’attrezzatura da spiaggia e controlli sulle spiagge libere

 

Le attrezzature utilizzate in spiaggia – lettini, sdraio, oggetti galleggianti e natanti – dovranno essere pulite e sanificate regolarmente evitandone l’utilizzo promiscuo. Nei lidi dovranno essere presenti i dispenser per l’erogazione di disinfettanti e tutto il personale dovrà indossare i Dpi. Per quanto riguarda le spiagge libere, difficili da regolamentare, gli esperti hanno parlato di «sindaci e/o agli altri enti locali competenti» chiamati a «dover applicare ogni adeguata misura volta a garantire condizioni di riduzione dei rischi e, ove necessario, a definire attività di vigilanza sul rispetto delle misure da parte dei fruitori delle spiagge, a regolamentare gli accessi per consentire il distanziamento interpersonale, individuare le procedure di sanificazione delle attrezzature e delle aree comuni».

(Immagine copertina da Pixabay)