Il manifesto dell’attentatore di Halle in rete il 1° ottobre: preannunciava la strage

di Gianmichele Laino | 10/10/2019

manifesto strage Halle
  • Il manifesto sulla strage di Halle è stato pubblicato il 1° ottobre

  • Nessuno, però, ha fatto nulla

  • Nel file pdf, anche le immagini delle armi utilizzate per "uccidere quanti più ebrei possibile"

Le uccisioni davanti alla sinagoga di Halle da parte del 27enne Stephan Balliet potevano essere evitate. Stando a quanto riportato da Rita Katz, direttrice di Site – il portale che monitora il terrorismo online -, un documento pdf era circolato in rete già dal 1° ottobre. Quasi dieci giorni prima che il ragazzo – armato fino ai denti, in tenuta mimetica e con una telecamera montata sull’elmetto – esplodesse i suoi colpi davanti alla sinagoga e al cimitero ebraico adiacente.

LEGGI ANCHE > «AfD ha una responsabilità morale sull’attentato di Halle»

Manifesto strage Halle pubblicato su internet il 1° ottobre

Stando a quanto riportato dal documento – che per toni e accenti ricorda quelli diffusi, in altre circostanze, da estremisti di destra alla vigilia di stragi come questa -, l’obiettivo di Stephan Balliet era quello di uccidere «quanti più ebrei possibile».

Il file pdf, inoltre, non contiene soltanto i deliri programmatici e i dettagli del piano dell’attentato di Halle. Allegate al file ci sono tantissime immagini delle munizioni e delle armi che Stephan Balliet ha utilizzato nel corso della giornata di ieri. La pubblicazione online di questi documenti pone un problema molto grave e serio.

Manifesto strage Halle, perché nessuno è intervenuto?

L’intelligence tedesca, eventualmente, ha sottovalutato il problema o non se ne è accorta. Considerando anche il fatto che il video in streaming dell’assalto ad Halle è stato pubblicato su Twitch, una piattaforma di videogame, possiamo ben capire come gli strumenti che la rete ci mette quotidianamente a disposizione possano essere impiegati nelle modalità più diverse e varie. Non per questo, però, devono essere presi sottogamba. L’allarme sarebbe dovuto scattare, le segnalazioni sarebbero dovute partire: perché nessuno ha evitato che Stephan Balliet si presentasse davanti alla sinagoga di Halle cercando di uccidere quanti più ebrei possibile? Perché nessuno ha creduto alla potenza del suo arsenale, nonostante le numerose foto pubblicate?

TAG: Germania