Il figlio di Borsellino torna a Palermo, a capo del commissariato di Mondello

di Redazione | 18/05/2020

Manfredi Borsellino
  • La nomina di Manfredi Borsellino a capo del commissariato di Mondello

  • Per il figlio di Paolo Borsellino si tratta di un rientro a Palermo

  • Fino a questo momento aveva prestato servizio a Cefalù

Manfredi Borsellino è tornato a Palermo. Il vice-questore, figlio del magistrato Paolo Borsellino, è stato nominato capo del commissariato di Mondello, nota località turistica del capoluogo siciliano. Una sorta di ricorso storico: il figlio del magistrato, il 19 luglio 1992 – quando il padre fu ucciso in via D’Amelio – era ancora studente universitario, alla facoltà di giurisprudenza. Fino a questo momento, aveva diretto il commissariato di Cefalù per lungo tempo: al suo posto, ora, è stato nominato il vice questore Francesco Virga.

LEGGI ANCHE > I figli di Borsellino contro Fratelli d’Italia per l’utilizzo dell’immagine del padre

Manfredi Borsellino nuovo capo del commissariato di Mondello

Il suo insediamento avverrà tra una settimana, il prossimo 25 maggio. Nel capoluogo siciliano era partito dal basso, prestando servizio presso i commissariati di Oreto e Zisa. Tra le sue prerogative e le sue pietre miliari che hanno caratterizzato la sua carriera nella polizia di Stato sono l’impegno in prima persona e il lavoro di squandra insieme ai propri colleghi.

Nel corso del suo servizio Manfredi Borsellino si è sempre preoccupato del territorio, prestando molta attenzione a reati cosiddetti minori, dagli abusi alla speculazione, anche per quanto riguarda l’integrità dell’ambiente. Sui social network, la sua nomina è stata salutata con entusiasmo. Un elemento fortemente simbolico, nel corso del mese di maggio, da sempre dedicato alla legalità: il 23 maggio ricorre l’anniversario della morte del giudice Falcone, collega del padre di Manfredi Borsellino e giornata da sempre collegata alla lotta contro tutte le mafie.

TAG: Palermo