Il procuratore spegne le speranze: «Pensiamo che Madeleine McCann sia morta»

di Enzo Boldi | 04/06/2020

Maddie

La notizia arrivata mercoledì sera dalla Germania aveva fatto riaccendere un barlume di speranza per il ritrovamento di Madeleine McCann, la bambina (che ora avrebbe avrebbe 16 anni) fu rapita mentre si trovava in vacanza in Portogallo con la sua famiglia. All’epoca, era il 2007, la piccola Maddie aveva solo tre anni e in tutto questo tempo la famiglia non si è mai rassegnata e ha proseguito con le sue ricerche. Fino al 3 giugno, quando dalla Germania è arrivata la notizia di un uomo – già in carcere per reati sessuali, anche contro minori – che sarebbe stato coinvolto nel sequestro della bambina.

LEGGI ANCHE > Trovata morta la troll di Maddie McCann

I sospetti degli inquirenti si sono spostati su questo 43enne, già accusato in passato di pedofilia (ma in carcere dopo una condanna per stupro ai danni di 73enne americana in Portogallo). Poi le parole e la doccia fredda che ha spento le speranze di ritrovare in vita la piccola Maddie dopo 13 anni: «Crediamo che Madeleine McCann sia morta». La dichiarazione del procuratore tedesco non vogliono indicare la chiusura del caso, ma si tratta di un pensiero che, probabilmente, è maturato al termine delle indagini che hanno inserito quel 43enne tra i sospetti per quel rapimento.

“Pensiamo che Maddie sia morta”

La famiglia, composta dalla madre Kate e dal padre Gerry, prova a farsi coraggio e ha annunciato che continuerà a sperare di trovare la loro figlia in vita: «Noi continuiamo a sperare di riabbracciarla, ma siamo grati alle autorità per queste nuove informazioni». La coppia britannica, nel 2007, si trovava in vacanza in Portogallo insieme alla piccola Maddie. Poi, il 3 maggio, la bambina sparì e non si seppe più nulla di lei.

Il rapimento del 3 maggio 2007

Nel corso degli anni si sono moltiplicati gli appelli che hanno coinvolto anche moltissimi vip e personaggi del mondo dello sport. Ma nessuna notizia è mai arrivata alla famiglia. Fino a ieri sera e alla conferenza stampa della Procura tedesca di oggi che non indica un esito positivo per questa vicenda.

(foto di copertina: da BBC)