Perquisita la casa di Anastasia, la fidanzata di Luca Sacchi

di Enzo Boldi | 29/11/2019

Luca Sacchi

Dopo l’ennesimo colpo di scena nelle indagini sull’omicidio di Luca Sacchi, ecco che altre notizie hanno iniziato a susseguirsi nel corso della mattinata. All’alba l’operazione dei Carabinieri di Roma che hanno notificato cinque misure cautelari, anche nei confronti di un amico pregiudicato della vittima dell’agguato fuori il John Cabot Pub. Poi l’obbligo di firma per la fidanzata Anastasia Kylemnyk la cui casa, sempre nella mattinata di venerdì, è stata perquisita dagli uomini dell’Arma.

LEGGI ANCHE > Omicidio Sacchi, cinque nuove misure cautelari: tra loro c’è anche Anastasia

Il cerchio attorno alla morte di Luca Sacchi sembra che si stia stringendo sempre di più. Al netto delle responsabilità dei due rei confessi per l’omicidio e l’agguato al personal trainer romano, si cercano ancora i reali motivi che abbiano portato alla morte del giovane. E tra le questioni da chiarire c’è anche il ruolo della fidanzata, Anastasia Kylemnyk, che al momento è accusata di aver cercato di acquistare, la sera dell’omicidio (il 23 ottobre scorso) un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti.

Perquisita la casa della fidanzata di Luca Sacchi

E l’operazione condotta questa mattina dai Carabinieri rientra proprio nell’istruttoria che questa mattina ha portato alla notifica di queste cinque misura cautelari che hanno coinvolto anche la stessa Anastasia a cui è stato imposto l’obbligo di firma, una soluzione che viene decisa per evitare l’allontanamento dell’indiziato dal luogo in cui si sta indagando.

Il cerchio si stringe

La giovane vive con i suoi genitori. Nei giorni scorsi il padre di Luca Sacchi aveva invitato gli inquirenti a effettuare verifiche proprio su Anastasia che, nel giro di poche ore, è passata dall’essere vittima di un’aggressione al finire nell’occhio del ciclone per questa presunta storia di droga che la vedrebbe coinvolta. Le indagini proseguono e, prima o poi, verrà fatta completa chiarezza su tutti i retroscena che, poi, hanno portato alla morte del giovane personal trainer romano.

(foto di copertina: FACEBOOK ANASTASIYA KLMEMNYK)