L’indagine della procura Figc contro Lotito per aver messo in dubbio la regolarità di Juve-Inter

di Enzo Boldi | 24/05/2020

Lotito
  • Il Presidente della Lazio è chiamato a rispondere e chiarire la sua intervista a La Repubblica dello scorso 26 aprile

  • Lotito su Juventus-Inter aveva detto: "Vabbè. l'avete vista anche voi"

  • Il rischio è un deferimento, o un'ulteriore indagine sul match dello scorso 8 marzo

Il rischio è quello del deferimento, ma prima dovrà chiarire alla Procura della Federcalcio quel pensiero espresso lo scorso 26 aprile sulla regolarità del match di campionato tra Juventus e Inter dello scorso 8 marzo. Una nuova bufera, per il momento solo di polemiche, sta investendo il presidente della Lazio Claudio Lotito, finito anche nel mirino della procura della Figc per aver espresso dubbi su quel match dello Juventus Stadium, andato in scena a porte chiuse.

LEGGI ANCHE > Cosa ha realmente detto Claudio Lotito sulla gara secca Lazio-Juventus per l’assegnazione dello scudetto

Come riporta Alessandro Austini sull’edizione odierna del quotidiano Il Tempo, la Procura della Figc ha aperto un fascicolo nei confronti del numero uno della Lazio. Claudio Lotito dovrà spiegare cosa intendesse veramente dire (e non sottintendere) quando a La Repubblica disse: «Oggi io sono a un punto dalla Juventus, e solo per Juve-Inter che vabbè, l’avete vista». Parole che lasciando intendere un qualcosa che l’imprenditore dovrà chiarire nei prossimi giorni, quando sarà convocato per rispondere alla domande davanti ai giudici federali.

Lotito e il fascicolo della Figc contro di lui

Si tratta, ovviamente, di un pro forma. La Procura della Figc è, infatti, tenuta ad aprire un fascicolo sulle dichiarazioni dei tesserati (calciatori, dirigenti e presidenti) qualora si possa ipotizzare una qualsivoglia ipotesi di reato. E le parole di Claudio Lotito, che dovranno essere ascoltate in audizione nel corso delle prossime settimane, si inseriscono in questo concetto.

Cosa può accadere: due ipotesi

Qualora il Lotito pensiero fosse ritenuto reo di dichiarazioni lesive (e similari) il presidente della Lazio rischia il deferimento. In caso contrario, per un puro rigor di logica, la Procura potrebbe chiudere il fascicolo sul numero uno del club di Formello e aprirne un altro per verificare la regolarità di quanto andato in scena lo scorso 8 marzo allo Juventus-Stadium.