Landini incalza governo e imprese: «È il momento dei fatti, basta parole»

di Gaia Mellone | 10/12/2019

Landini incalza governo e imprese: «È il momento dei fatti, basta parole»
  • A Roma la prima delle tre iniziative della "settimana di mobilitazione per il lavoro"

  • Martedì 10 dicembre la manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil

  • Il leader Cgil Maurizio Landini si rivolge al governo e alle imprese

Oggi a Roma la prima delle tre iniziative previste per la “settimana di mobilitazione del lavoro”. A dare il via è la manifestazione nazionale di Cgil, Cisl e Uil a Roma in Piazza Santi Apostoli. Ed è dalla piazza che il leader Maurizio Landini lancia un appello a governo e imprese perché avviino azioni concrete per aiutare il paese a risollevarsi.

Landini incalza governo e imprese: «È il momento dei fatti, basta parole»

LEGGI ANCHE> Landini prepara il tavolo con Conte: «Disposti ad ascoltare. Ma se troviamo porte chiuse, lotteremo» | VIDEO

«Bisogna ricostruire il Paese a partire dal lavoro»: l’appello lanciato dal leader Cgil Maurizio Landini da piazza Santi Apostoli è chiaro, e vuole riportare «al centro le persone, garantendo i diritti, combattendo la precarietà, facendo ripartire gli investimenti». Un messaggio rivolto soprattutto alle imprese e al governo, chiamati a rispondere alla necessità del paese e dei giovani di ricominciare ad avere fiducia: «È il momento dei fatti, basta parole – ha aggiunto Landini- O si lavora tutti insieme o non si va da nessuna parte».

La prima manifestazione della settimana è incentrata su temi come quello della crescita, delle crisi aziendali, dello sblocco di cantieri e infrastrutture e dello sviluppo del Mezzogiorno. Una mobilitazione che cade nello stesso momento in cui il governo si trova a dover affrontare diverse vertenze aperte: da Alitalia a Mercatone/Conad, da Almaviva fino all’ex Ilva. Contemporaneamente alla protesta nella piazza romana, negli stabilimenti tarantini di ArcelorMittal i metalmeccanici hanno indetto uno sciopero di 24 ore, e presidiano gli uffici della società.

La mobilitazione continuerà poi giovedì 12 dicembre sempre nella stessa piazza, dove si discuterà di rinnovo dei contratti, sia pubblici che privati, e di assunzioni all’interno della Pubblica Amministrazione. Al terzo e finale appuntamento di martedì 17 dicembre invece i temi centrali saranno le pensioni, la riforma fiscale e la legge sulla non autosufficienza.

 

(Credits immagine di copertina: Twitter Filt Cgil Nazionale@FiltCgil)