Islanda chiede che l’Under 21 faccia la quarantena a Reykjavik

Rinviata la partita di qualificazione all'Europeo

di Redazione | 09/10/2020

Islanda

Due cose emergono dalla notizia delle quattro positività nel gruppo squadra dell’Italia Under 21 impegnato nelle qualificazioni all’Europeo di categoria in Islanda. Innanzitutto che l’UEFA ha creato un precedente importante, rinviando la partita tra gli azzurrini e gli islandesi prevista per le 17.30 del 9 ottobre, pur essendo “solo” 4 gli atleti positivi nella stessa squadra. Poi, l’elemento che – in questa fase – rischia di essere più delicato anche in vista della ripresa del campionato italiano di Serie A e Serie B: le autorità islandesi, infatti, hanno chiesto che l’Italia possa fare la sua quarantena a Reykjavik, nell’albergo dove si è svolto il ritiro dell’Under 21.

LEGGI ANCHE > Parigi-Roubaix cancellata per coronavirus, un avvertimento per lo sport in Europa? 

Islanda chiede che l’Italia Under 21 faccia la quarantena a Reykjavik

Entrambe le questioni sono estremamente delicate e rischiano di mettere in seria discussione tutti i protocolli previsti per quanto riguarda le competizioni professionistiche. Le positività con le selezioni nazionali, infatti, potrebbero prevedere – se verrà confermata la richiesta delle autorità islandesi – anche la variabile della quarantena fuori dal proprio territorio di riferimento, con la conseguenza che i giocatori (anche quelli negativi) non possono rientrare in tempo utile nelle proprie squadre di club, creando un’ulteriore difficoltà alle società.

Islanda e Italia, il precedente della Uefa che potrebbe essere utile a valutare Juventus-Napoli

Inoltre, il fatto che la Uefa abbia rinviato la partita Islanda-Italia pur non essendo in presenza di 10 casi di positività contemporanei all’interno della stessa squadra segna una traccia per il comportamento da seguire nelle varie federazioni. In Italia, lo si è visto lo scorso fine settimana, c’è stata molta confusione sul tema, con Juventus-Napoli che non è stata rinviata, ma con gli azzurri che non si sono presentati a Torino, viste le due positività di Elmas e Zielinski.

Su quest’ultimo match – per il quale si paventava anche la soluzione con la sconfitta a tavolino per il Napoli – non è ancora stata presa una decisione da parte del giudice sportivo, che ha chiesto un supplemento di indagine. Sicuramente, quanto accaduto oggi in Islanda rappresenterà un punto di riferimento per risolvere anche questa questione.