La Guardia di Finanza in casa di Irene Pivetti

di Gabriele Parpiglia | 09/06/2020

irene pivetti

Martedì , 9 giugno, ore 07.29 del mattino, in zona porta Venezia, a Milano irrompe la Guardia di Finanza in un palazzo, al terzo piano. Il citofono che gli uomini in borghese ma con distintivo ricercano è quello che appartiene a Irene Pivetti.

LEGGI ANCHE > Un arresto per turbativa d’asta sulle mascherine

Guardia di Finanza in casa di Irene Pivetti

Dopo l’affaire, poco chiaro, legato alla fornitura di mascherine la situazione per l’ex Presidente della Camera si arricchisce di un nuovo capitolo, a quanto pare non bello, per la sua carriera. La perquisizione è terminata dopo oltre un’ora e mezza. Al momento Irene Pivetti è stata trasferita a bordo di una macchina utilitaria per non dare nell’occhio, insieme con un due persone e fascicoli sotto braccio in altra sede. Vi terremo aggiornati sui nostri canali.

L’indagine, secondo quanto si è appreso successivamente, vede al centro operazioni di import-export con la Cina da parte di società riconducibili a Irene Pivetti, ma a quanto pare questa operazione e questa indagine non ha nulla a che vedere con il periodo legato all’emergenza coronavirus.

Sulla società di Irene Pivetti, nelle scorse settimane, invece, si erano concentrate alcune indagini per la nota vicenda di import-export di mascherine che non avrebbero previsto alcuni standard di sicurezza. La fornitura in questione sarebbe stata di circa 10 milioni di mascherine Ffp 2.