La soddisfazione di Insieme in Rete per l’approvazione dell’emendamento sul revenge porn | VIDEO

di Gianmichele Laino | 02/04/2019

Insieme in Rete non nasconde la propria soddisfazione per l’approvazione alla Camera dell’emendamento unico – votato da tutto l’arco costituzionale – sul revenge porn. Si tratta di una delle associazioni, insieme a Bossy e ai Sentinelli, che hanno lanciato – già nell’autunno scorso – la petizione che ha raccolto oltre 120mila firme per istituire il reato di revenge porn.

Insieme in Rete commenta l’approvazione dell’emendamento sul revenge porn

Quello che era successo giovedì scorso nell’aula di Montecitorio, con l’emendamento di Laura Boldrini respinto per solo 14 voti, è stato cancellato dall’approvazione unanime del testo proposto dalle opposizioni e accolto nella disciplina detta Codice Rosso anche dalla maggioranza.

«Siamo molto soddisfatti di questo risultato – ha detto Vittoria Gheno di Insieme in Rete -, perché per primi, insieme a Bossy e I Sentinelli, abbiamo posto all’attenzione dell’opinione pubblica di una legge che prevedesse la criminalizzazione della diffusione non consensuale di materiale intimo».

Insieme in Rete ha ripercorso, in una giornata storica come quella di oggi, le tappe che hanno portato a questo risultato: «Abbiamo proposto alla Camera dei Deputati un tavolo di lavoro con l’onorevole Laura Boldrini e con altre figure tecniche per arrivare il prima possibile a un’efficace tutela delle vittime, a una responsabilizzazione delle piattaforme su cui i materiali vengono diffusi, all’elaborazione di progetti efficaci di educazione civica digitale».

Sembra già molto lontano l’atteggiamento di chiusura di meno di una settimana fa da parte dei partiti della maggioranza, Lega e M5S, che avevano votato contro l’emendamento presentato dalla deputata Laura Boldrini. «Eravamo rimasti interdetti dall’atteggiamento di alcune forze politiche, e in particolare del Movimento 5 Stelle con cui avevamo dialogato, che la settimana scorsa avevano respinto l’emendamento presentato dalla Boldrini – ha concluso Vittoria Gheno -. Oggi, invece, constatiamo un grande segnale e una grande risposta della politica nei confronti delle persone che vivono ogni giorno questa situazione. Inoltre, l’approvazione dell’emendamento di oggi rappresenta un passo decisivo verso un grande moto di partecipazione collettiva che viene dal basso».

FOTO: ANSA/CLAUDIO PERI