Caos sul sito Inps: appaiono nomi e codici fiscali di altri utenti

di Enzo Boldi | 01/04/2020

InpsDown
  • Dopo l'InpsDown, proseguono i problemi

  • Molte persone si trovano loggate con identità di altre persone

  • Dati sensibili in bella vista: codici fiscali, nomi e numeri di telefono

Quel che sta accadendo sul sito Inps da qualche ora era prevedibile, ma non con questi effetti. Perché se inizialmente sui social si denunciava solamente un InpsDown – gergo per definire l’impossibilità di accedere a un portale web -, adesso la questione sta diventando, con il passare delle ore, sempre peggiore. Tantissime persone, infatti, si sono trovate ‘loggate’ all’interno del sito dell’Istituto Nazionale di Previdenza Social attraverso l’identità di altri cittadini, con tanto di nomi e codici fiscali in bella vista.

LEGGI ANCHE > Le cento domande al secondo per chiedere il bonus sul sito dell’Inps

Pasquale Tridico, questa mattina, aveva parlato di rallentamenti prevedibili visto l’alto accesso simultaneo al sito Inps per richiedere il bonus Covid-19 destinato ai lavoratori autonomi e previsto dal decreto Cura Italia. Ma se i tempi lunghi sono un problema snervante, ma non così grave, quel che viene denunciato sui social diventa un qualcosa di molto più serio e profondo.

InpsDown, nomi e codici fiscali di altri utenti all’accesso nel sito

Quella di Carlo Zanaboni è solo uno dei tanti messaggi dello stesso tenore. Non si denuncia solamente il cosiddetto InpsDown, ma anche il fatto che all’accesso sul sito ci si trovi di fronte – a ogni aggiornamento di pagina – a nomi e codici fiscali di altri utenti. E il nome che compare più volte all’interno del sito Inps è quello di tal Luciano Vangone. Ma non c’è solo questo.

Dati sensibili in bella vista

Alcune persone si ritrovano già loggate, ma non con la propria identità. Per loro risulta impossibile uscire dal sito e inserire le proprie credenziali, o richiedere il reset di nome utente e password. Inoltre, come denunciano in molti, una volta dentro il sito è possibile accedere ai dati sensibili di altre persone: dalla mail al numero di telefono. Un caos prevedibile, ma gestito molto male.

(foto di copertina: da profilo Twitter di Carlo Zanaboni)

TAG: Inps