Il Governo si spacca su Radio Radicale. Di Maio: “Fatto gravissimo, la Lega dovrà risponderne”

di Daniele Tempera | 13/06/2019

Luigi Di Maio: «Sospetto che Lega chieda voti per far cadere il governo»
  • La maggioranza torna a spaccarsi sulla doppia nomina di Foa, ma soprattutto su Radio Radicale

  • Passa l'emendamento PD: pronti 3 milioni di euro per salvare la storica emittente

  • La rabbia di Di Maio: "La Lega dovrà risponderne davanti ai cittadini"

Sale ancora la tensione tra Lega e Movimento Cinque Stelle. I due partner di Governo si dividono in Commissione Vigilanza e salta il doppio incarico per Foa a presidente di Rai e Rai.com. Una esito dato da un dietrofront improvviso dei pentastellati, ma le fratture più pesanti per l’esecutivo si registrano proprio sul cosiddetto “salvataggio” di Radio Radicale.

LEGGI ANCHE > Per ora, Radio Radicale è salva grazie a 3 milioni (e nonostante il no di Laura Castelli)

Radio Radicale: semaforo verde ai 3 milioni per salvarla

Passa invece l’emendamento PD presentato Roberto Giachetti e Filippo Sensi sul salvataggio di Radio Radicale con un finanziamento di 3 milioni di euro per salvare (almeno nel corso del 2019) la storica emittente. Una misura che sarebbe stata concordata con la Lega (che ha votato l’emendamento) e che ha letteralmente mandato su tutte le furie Luigi Di Maio.

«Siamo arrivati al paradosso secondo cui, dopo aver stanziato nuovamente per il 2019 ben 9 milioni di euro (già questo per noi è assurdo), oggi il Pd ne ha persino chiesti altri 3 (4 milioni anche per il 2020).
E tutti i partiti, compresa la Lega, gli hanno detto di sì, hanno votato per regalare altri soldi delle vostre tasse a una radio privata.  Secondo noi è una cosa gravissima, di cui anche la Lega dovrà rispondere davanti ai cittadini. Sono franco: dovrà spiegare perché ha appoggiato questa indecente proposta del Pd!»  ha attaccato il vicepremier, affermando poi che «si va avanti, perché siamo persone serie, ma è giusto che i cittadini sappiano che questo regalo a Radio radicale è contenuto nel Decreto Crescita».

L’obiettivo è quello degli ultimi tempi, enfatizzare la purezza dell’M5S e contrapporlo alla “casta”: «E poi, cari cittadini, troverete anche 3 milioni di euro in più delle vostre tasse donati a Radio Radicale, una radio privata che ospita giornalisti con stipendi da capogiro di anche 100mila euro l’anno. Tutti pagati con i vostri e i nostri soldi, da sempre.
Il MoVimento 5 Stelle avrebbe voluto mettere fine a questa indecenza. I partiti si sono messi di traverso» continua su Facebook Di Maio, rivolgendosi direttamente ai propri sostenitori.

Insomma, la strada continua a essere quella della differenziazione qualitativa dalla Lega e della riappropriazione di temi “cari” al Movimento delle origini, mentre i consensi continuano a calare. Una strada apparentemente impervia che il leader pentastellato continua a calcare in maniera abbastanza acritica.