Google è in trattativa con alcuni editori per pagare le news

di Redazione | 14/02/2020

Google
  • Google sarebbe in trattativa con alcuni editori europei

  • L'obiettivo è realizzare un servizio di news a pagamento

  • Al momento, il motore di ricerca di Mountain View non ha rilasciato dichiarazioni

Alphabet Inc (GOOG.O), la compagnia che gestisce Google – il più grande motore di ricerca al mondo – è in trattativa con gli editori per il pagamento di una sorta di tassa di licenza per contenuti che sarebbero impaginati in un prodotto che fornisce agli utenti un pacchetto di notizie premium. L’indiscrezione è stata riportata dal Wall Street Journal, che l’ha riportata dopo aver consultato personalità che hanno seguito da vicino la storia con la questione.

LEGGI ANCHE > La riforma del copyright approvata dal Parlamento europeo: cosa succede a Facebook e a Google?

Google paga news agli editori: i colloqui preliminari

I colloqui sono soltanto a un livello preliminare, per il momento, e non è chiaro se gli accordi saranno raggiunti, secondo quanto pubblicato dallo stesso WSJ. In ogni caso, la testata ha potuto raccogliere un’altra indiscrezione: la maggior parte degli editori invitata ai colloqui con Google operano al di fuori degli Stati Uniti, in Europa e sicuramente in Francia. Questo aspetto è sempre tra le cose che sono state riportate da una delle fonti che hanno parlato con il Journal.

Diverse sono le agenzie di stampa internazionali che hanno provato a contattare Google per un commento, ma la media tech company non ha risposto in questa prima fase. Molto probabile che l’operazione portata avanti dal motore di ricerca di Mountain View sia una sorta di gioco d’anticipo rispetto all’entrata in vigore del regolamento europeo sul copyright che è stato approvato a fine legislatura dal parlamento europeo e che dovrà essere recepita dai vari stati membri nei prossimi due anni. Google ha iniziato le trattative sperando di anticipare la concorrenza, collegata soprattutto ai social network come Facebook, per poter potenziare il proprio servizio di news.

TAG: Google