Google ricava 4,7 miliardi di dollari sulle nostre spalle

di Gianmichele Laino | 11/06/2019

Google
  • Google avrebbe un volume di 4,7 miliardi di ricavi dal mercato delle news

  • Lo studio è stato realizzato dalla News Media Alliance

  • Mountain View smentisce: "Calcoli sbagliati, portiamo valore ai nuovi media"

Chi lavora nell’ambito del giornalismo online sa bene come funziona. Le grandi e medie testate, ma anche quelle più piccole a vocazione territoriale o settoriale, producono contenuti attraverso i propri giornalisti, elaborano le notizie a partire dagli strumenti che hanno a disposizione le redazioni (abbonamenti ad agenzie di stampa e ad agenzie fotografiche, troupe per girare servizi in esterna e addetti al montaggio), creano news attraverso la consultazione delle proprie fonti.Questo lavoro viene ripreso da Google, che lo trasmette direttamente o sul suo motore di ricerca o, sempre più spesso, nella sua sezione news, il feed – generale o personalizzato, su misura dell’utente – all’interno del quale pubblica la propria rassegna stampa.

Come Google guadagna sulle news

Secondo il centro di ricerca News Media Alliance i ricavi che Google ottiene da questo tipo di operazione ammonta a circa 4,7 miliardi di dollari. Una cifra che, se si fa eccezione per la tecnologia impiegata e per l’idea di base che c’è dietro, rappresenta praticamente un utile netto. Soprattutto in virtù del fatto che i contenuti vengono prodotti da altri e vengono impiegati semplicemente utilizzando come moneta di scambio la visibilità.

La fonte di questa informazione ha un alto grado di autorevolezza. News Media Alliance, infatti, è una sorta di consorzio di ricerca sull’informazione online che ha tra i suoi partner oltre 2000 siti di news statunitensi, compreso il New York Times. Per dare un’idea del volume dei ricavi di Google dai suoi feed di notizie, basti pensare che l’intero settore dell’informazione negli Stati Uniti produce 5,1 miliardi di ricavi. Insomma, Google da solo guadagna quasi come tutti gli operatori di settore negli Stati Uniti, senza tuttavia produrre contenuti.

La risposta di Google allo studio di News Media Alliance

La risposta di Google è stata glaciale. Stando a quanto affermato da un suo portavoce, infatti, i dati sarebbero scorretti, dal momento che la ricerca non ha tenuto conto degli spazi pubblicitari effettivamente utilizzati dall’azienda di Mountain View e non ha conteggiato il valore che Google porta ai vari siti web, ‘regalando’ loro 10 miliardi di click.

FOTO: (Credit Image: © Omar Marques/SOPA Images via ZUMA Wire)

TAG: Google