Un anno bellissimo, ma in mutande. Il colloquio, dal balcone, tra Conte e un suo collega | VIDEO

di Enzo Boldi | 19/06/2019

uomo in mutande

Ricchi, ricchissimi. Praticamente in mutande. Il film del regista Sergio Martino – che racconta le disavventure italiche di famiglie alle prese con problemi economici, ma che vogliono mantenere un tenore di vita elevato, almeno all’apparenza – è la sintesi del video che sta diventando virale. Il protagonista è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte che, in visita alla redazione napoletana del quotidiano online Fanpage, ha dialogato a distanza con un suo ‘collega’. Il colloquio, avvenuto alla luce del sole, mostra un uomo in mutande ed è stato pubblicato tra le Instagram Stories del premier.

LEGGI ANCHE > Luigi Di Maio bacchetta Alessandro Di Battista: «Torna a lavorare, abbiamo già abbastanza opinionisti»

Nel filmato, si vede Giuseppe Conte affacciato al balcone della redazione di Fanpage. Mentre ammira il panorama in compagnia, una voce dall’altro lato della strada richiama la sua attenzione. Era un uomo – che poi si scoprirà essere un avvocato civilista – che dal balcone di casa sua, in canottiera e mutande – ha voluto esporre al presidente del Consiglio alcune criticità.

 

Giuseppe Conte e l’uomo in mutande

Da buon avvocato del Popolo, come si è definito lo stesso Giuseppe Conte, il premier non si è tirato indietro e ha affrontato il dialogo a distanza, da balcone a balcone, con quello che ha poi scoperto essere un suo collega avvocato. Ma cosa ha chiesto l’uomo al presidente del Consiglio? Lo capiamo meglio dal video, da un’altra inquadratura, pubblicato da Fanpage.

La proposta di legge 788 del 12 settembre 2018

L’uomo chiede delucidazioni a Giuseppe Conte sulla proposta di Legge numero 788 presentata da D’Urso sui redditi cartolarizzati pagando il 20% del prezzo al cessionario. Più che un chiarimento, il ‘collega’ del premier spinge affinché tutto questo venga approvato dal Senato (prima) e dal parlamento (poi). Infine l’invito a verificare – con Conte che assicura l’uomo con un caustico «controllo» – e il monito a non tenerla nascosta in Commissione: «Altro che Flat Tax».