Giorgia Meloni si indigna per la rivista della destra olandese piena di luoghi comuni sugli italiani

di Gianmichele Laino | 29/05/2020

Giorgia Meloni contro Elsevier

L’avete vista la copertina di Elsevier Weekblad? Si tratta di un settimanale olandese che, solitamente, esprime le opinioni e le voci più illustri in patria della destra conservatrice. Giorgia Meloni – che, per sua stessa definizione rappresenta LA destra in Italia – si è indignata perché nell’ultimo numero, per trattare l’argomento del Recovery Fund, ha utilizzato una doppia immagine, farcita di luoghi comuni sull’Italia e sugli italiani, ma non solo. In realtà la presa in giro era nei confronti di tutti i Paesi del sud dell’Europa.

LEGGI ANCHE > Libero è quasi felice perché il coronavirus è arrivato anche al sud

Giorgia Meloni contro Elsevier, la testata di destra olandese

Quali? I soliti. Il vino, le vacanze, le donne avvenenti, i baffi alla super Mario, l’atteggiamento scanzonato e menefreghista rispetto al lavoro. L’immagine degli italiani è stata contrapposta, invece, a quella più schematica dell’operosità dei paesi dell’Europa del nord. Secondo Elsevier, sarebbe questa la sintesi del Recovery Fund: il lavoro dei cittadini olandesi pagherà gli aiuti ai cittadini italiani in questa emergenza economica post coronavirus.

I tre cortocircuiti di Giorgia Meloni contro Elsevier

La prima a scattare sull’attenti è Giorgia Meloni che si indigna e che chiede spiegazioni, sollecitando – ancora una volta – il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ad alzare la voce contro una testata giornalistica europea (un po’ come era successo con il video satirico della Pizza Corona, vi ricordate?): «Ripugnante copertina del settimanale olandese Elsevier Weekblad con italiani raffigurati come parassiti nullafacenti. Non accettiamo lezioni da chi ha creato un paradiso fiscale in Europa e drena risorse ad altri Stati. Di Maio pretenda scuse immediate».

Ora. Il cortocircuito avviene per due motivi. Uno: non è che il ministro degli Esteri italiani può avere come sua attività principale quella di chiedere scuse immediate a ogni testata che proponga un articolo pieno di luoghi comuni sull’Italia (l’elenco sarebbe sin troppo lungo anche per lo stesso Di Maio). Due: la testata è il punto di riferimento culturale della destra olandese, quella che – in più di un’occasione – ha trovato convergenze anche con Fratelli d’Italia in sede europea. Poi, potremmo aggiungere anche una terza opzione: ma se non era d’accordo con lo strumento del Recovery Fund, perché Giorgia Meloni si indigna così tanto? Saperlo…