Bufera in Giappone per il badge da far indossare alle commesse nei giorni del ciclo

di Gaia Mellone | 29/11/2019

Bufera in Giappone per il badge da far indossare alle commesse nei giorni del ciclo

Ha sollevato polemiche internazionali la proposta avanzata dal negozio di Daimaru a Osaka di far indossare alle sue commesse un badge speciale che segnali quando la donna è in pieno ciclo mestruale.

Bufera in Giappone per il badge da far indossare alle commesse nei giorni del ciclo

LEGGI ANCHE> Cos’è la rivolta del KuToo nata in Giappone

Una proposta fatta a 500 commesse che ha sollevato migliaia di polemiche. I clienti della catena Daimaru non hanno infatti approvato la proposta avanzata dalla catena di far indossare un badge speciale alle commesse che hanno le mestruazioni. Su di esso è riportata il disegno del personaggio a forma di cuore rosa con le labbra rosse del manga Seiri-chan, conosciuto anche con il nome in inglese “Miss Period”, ovvero la signorina Ciclo. 

L’iniziativa, che era cominciata ad ottobre è stata presentata ufficialmente il 21 novembre raccogliendo molti dissensi, soprattutto sui social network. Come ha spiegato il responsabile alla Bbc, l’intento non era discriminatorio, bensì voleva invogliare i colleghi ad essere più collaborativi in quel periodo, lasciando alle colleghe mestruate anche qualche ora in più di riposo. «Non cancelleremo il programma in sé, perché è a uso strettamente interno, per la comunicazione tra i dipendenti» ha aggiunto un portavoce della società, garantendo però che, dopo il polverone sollevatosi, il programma, a cui le commesse possono aderire o meno, verrà rivisto.

(Credits immagine di copertina:                      ベギラマ㌧子さん @tontontontonhin        )

TAG: Giappone