Gianluigi Paragone si rammarica per non poter guardare e criticare una puntata della Gruber che non è mai andata in onda

di Redazione | 02/07/2019

Gianluigi Paragone
  • Gianluigi Paragone ha criticato la trasmissione del 1° luglio di Lilli Gruber

  • Ma la trasmissione non è mai andata in onda

  • Da ieri, La7 ha iniziato il palinsesto estivo: al posto di Otto e Mezzo ci sarà In Onda

Gianluigi Paragone ha fatto un piccolo processo alle intenzioni. In diretta su Facebook – direttamente dal treno che lo stava riportando a Roma – l’esponente del Movimento 5 Stelle ha chiesto un favore ai suoi followers: «Dal momento che non posso guardare la Gruber – che lui chiama Lady Bilderberg, ndr -, voglio sapere se sta parlando della disoccupazione che sta diminuendo oppure se non ne parlerà come al solito».

Gianluigi Paragone critica la Gruber che è andata in vacanza

L’appello ovviamente è rivolto ai suoi fan che avranno avuto sicuramente la possibilità di guardare la puntata di Otto e Mezzo in onda il 1° luglio. E invece no, che questa possibilità non l’hanno avuta. Otto e Mezzo, infatti, è terminato nello scorso fine settimana: il programma di informazione di Lilli Gruber, infatti, ha lasciato posto – nella medesima fascia oraria – alla trasmissione In Onda, condotta da David Parenzo e da Luca Telese. In Onda è il programma di informazione della stagione estiva di La7, mentre Otto e Mezzo tornerà soltanto nel prossimo mese di settembre.

Il passato di Gianluigi Paragone a La7

Fa strano che Gianluigi Paragone abbia fatto questa richiesta, dal momento che proprio lui – prima di ottenere uno scranno in Parlamento – era un giornalista di La7, con suoi programmi e uno spazio notevole nel palinsesto. Da diverso tempo, la rete di Urbano Cairo segue questa logica: a partire dal mese di luglio, i programmi estivi sostituiscono quelli del resto della stagione. E dal momento che La7 si affida sempre a prodotti collaudati, Gianluigi Paragone avrebbe dovuto ricordarsi del funzionamento del sistema di messa in onda delle trasmissioni.

Oppure, semplicemente, prima di registrare la diretta, avrebbe potuto dare uno sguardo a un sito internet qualunque con i programmi tv della serata. Quello, dal treno, si può ancora fare.

[Screenshot dalla diretta Facebook di Gianluigi Paragone]