La gaffe di Virginia Raggi a Dimartedì: “Vicino a chi ha perso un lavoro in nero” | VIDEO

di Ilaria Roncone | 11/03/2020

  • La Raggi ha parlato di Roma e dell'applicazione delle nuove norme contro il coronavirus

  • La sindaca di roma ha però commesso una gaffe che è andata subito in trend topic su Twitter

  • Il tema è il lavoro nero

Lo ha detto per davvero. Ospite a Dimartedì nella puntata a porte chiuse di ieri sera della trasmissione di La7 condotta da Floris, Virginia Raggi ha detto la sua sulla prima giornata con il decreto Italia Sicura in atto. Commentando quanto accade sotto il nuovo regolamento, complice probabilmente anche la stanchezza di un momento in cui tutte le istituzioni del paese stanno lavorando in maniera serrata, la Raggi ha espresso la sua vicinanza nei confronti di tutti quelli che hanno perso il lavoro in nero che stavano facendo a causa del coronavirus.

LEGGI ANCHE >>> Il 23enne di Cremona intubato perché in gravi condizioni | VIDEO

Il video della gaffe di Virginia Raggi


Virginia Raggi ha commentato quello che è accaduto a Roma nella giornata di ieri, affermando che le nuove regole sono prese con molta serietà dall’amministrazione capitolina, che ha effettuato controlli in tutta la città verificando la chiusura dei locali dalle 18 come previsto. La sindaca di Roma ha detto anche una cosa che è suonata stranissima alle orecchie di chi era all’ascolto: «Sono vicina a tutte le persone che in questo momento stanno soffrendo e sono disorientate, sono vicina anche a chi – sembra brutto dirlo – stava facendo un lavoro in nero e ora lo ha perso».

Raggi in trend su Twitter per l’affermazione sul lavoro nero

 


L’affermazione della sindaca di Roma, nemmeno a dirlo, le è valsa subito un posto nei trend topic di Twitter. Sono molte le persone che si sono dette sconcertate dall’affermazione della prima cittadina di Roma che, in quanto istituzione dello Stato, dovrebbe far rispettare la legge. Suona alquanto buffo, quindi, che la politica abbia espresso vicinanza proprio a persone che – anche se «sembra brutto dirlo», come afferma lei – la legge la infrangono costantemente lavorando senza un contratto. Probabilmente la Raggi intendeva dire che la sua vicinanza va a tutti, anche a coloro che sono costretti a fare questa scelta del lavoro, però sicuramente le sue parole erano fraintendibili e inaspettate da parte di una sindaca.

(Immagine copertina: frame del video di Dimartedì)